Welcome to EverybodyWiki ! Nuvola apps kgpg.png Sign in or create an account to improve, watchlist or create an article like a company page or a bio (yours ?)...

Via Settimia Severa

Da EverybodyWiki Bios & Wiki.
Jump to navigation Jump to search
Via Settimia Severa
Quarnas 26.10.2013 12-37-14.JPG
Veduta del Lago d'Orta (lat. Cusius lacus) dalla moderna Quarna Sopra (lat. Quarna Superior)
Localizzazione
StatoVexilloid of the Roman Empire.svg Impero romano
Stato attualeItalia Italia
RegioneLombardia Lombardia
Piemonte Piemonte
Coordinate
Il template {{Coord}} ha riscontrato degli errori (istruzioni): Modulo:Wikidata:443: attempt to index field 'wikibase' (a nil value)
Informazioni generali
Tipostrada romana
Inizio costruzioneII secolo d.C.
CostruttoreSettimio Severo
Condizione attualeNon più esistente
Sito webModulo:Wikidata:443: attempt to index field 'wikibase' (a nil value)
Lunghezzacirca 95 miglia romane
InizioPavia (lat. Ticinum)
FineGravellona Toce
Informazioni militari
UtilizzatoreShe-wolf suckles Romulus and Remus.jpg Repubblica romana
Vexilloid of the Roman Empire.svg Impero romano
Vexilloid of the Roman Empire.svg Impero romano d'Occidente
Funzione strategicamettere in comunicazione Pavia (lat. Ticinum) con Gravellona Toce, sul Lago Maggiore (lat. Verbanus lacus). Passava anche per Mortara (lat. Pulchra Silva) e per Novara (lat. Novaria) costeggiando il Lago d'Orta (lat. Cusius lacus).
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Errore Lua in Modulo:Wikidata alla linea 443: attempt to index field 'wikibase' (a nil value).Errore Lua in Modulo:Wikidata alla linea 443: attempt to index field 'wikibase' (a nil value).

La via Settimia Severa era una strada romana consolare che metteva in comunicazione Pavia (lat. Ticinum) con Gravellona Toce, sul Lago Maggiore (lat. Verbanus lacus), passando per Mortara (lat. Pulchra Silva) e per Novara (lat. Novaria). Quasi omonime furono la via Severiana, che collegava Porto a Terracina, e la via Severiana Augusta, che metteva in comunicazione Milano con Angera e il passo del Sempione.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il fiume Ticino (lat. Ticinus) nei pressi della moderna Pavia (lat. Ticinum)

Un'iscrizione romana presente nel territorio di Vogogna, presso il ponte della Masone testimonia la costruzione della strada nell'anno 196 d.C.; nell'iscrizione, molto rovinata dal tempo si interpreta: "Via fatta per [...] con sesterzi 22.600 sotto il secondo consolato di Caio Domizio e il primo di Publio Fusco con curatori dell'opera Marco Valerio e Salvio; fornitore dei marmi è stato … per [...] di Venusto conduttore pubblico [...]." [1]

La strada si dirigeva verso il Lago Maggiore (lat. Verbanus lacus) similmente alla quasi omonima via Severiana Augusta, ma lungo l'altra sponda del fiume Ticino (lat. Ticinus), costeggiando poi il Lago d'Orta (lat. Cusius lacus) a oriente e giungendo infine a Gravellona Toce, sul Lago Maggiore, sua destinazione finale.

Entrambe le strade furono ampliate su volere dell'imperatore Settimio Severo alla fine del II secolo d.C., da cui i nomi. La via Settimia Severa passava da Mortara (lat. Pulchra Silva) e da Novara (lat. Novaria), quindi a occidente del fiume Ticino, mentre la via Severiana Augusta passava da Gallarate (lat. Galleratum) e Sesto Calende (lat. Ad Sextum), che si trovano invece ad oriente del citato corso d'acqua.

Secondo lo storico Francesco Pezza (Mortara, 1873-1956) la via Settimia fu inaugurata dai consoli Caio Domizio Destro e Publio Fusco nel 196 d.C. sotto l‟imperatore Settimio Severo.[2]

Percorso[modifica | modifica sorgente]

Veduta della moderna Garbagna Novarese (lat. Carpania)

La via Settimia Severa collegava Ticinum (Pavia) con Gravellona Toce. Uscita da Ticinum, dove intersecava la via Giovia, la via Settimia Severa si dirigeva verso Carbonaria Silva (Carbonara al Ticino), Castrum Grupelli (Gropello Cairoli), Garilassium (Garlasco), Tumelum (Tromello), Pulchra Silva (Mortara), Albunensis (Albonese), Burgus Lebetarius (Borgolavezzaro), Vespolate (Vespolate), Nibiola (Nibbiola), Carpania (Garbagna Novarese), Novaria (Novara), Caltiniaca (Caltignaga), Mummium (Momo), Fontanetum (Fontaneto d'Agogna), Equiregium (Cureggio), Bormanicum (Borgomanero), Briga (Briga Novarese), Gaudianum (Gozzano), Boloxanum (Bolzano Novarese), Menum (Ameno), Hortus Conclusus (Orta San Giulio), Masinum (Miasino), Pettenascum (Pettenasco), Vehemenia (Omegna) giungendo infine a Gravellona Toce, dove intersecava la via Severiana Augusta, dove terminava il suo percorso.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. Sac. Vincenzo De-Vit, Memorie storiche di Borgomanero e del suo mandamento compilate dal sac. Vincenzo DeVit, Milano, Tipografia e Libreria Arcivescovile, 1859, p. 33, ISBN non esistente. Ospitato su archive.org.
  2. Radice, Bruno, L’antica strada romana da Mortara a Novara (PDF), su il Notiziario del Burchvif, http://www.burchvif.it, 2008.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Template:Via Settimia Severa

La pagina Modulo:Navbox/styles.css è priva di contenuto.

Tema(i) : antica Roma trasporti

Altri articoli dei temi antica Roma E trasporti : Via Massiminia, Via Valeriana Sebina, Via Lucinia, Via Romea Padana, Via Vicinalis, Via Marzia, Via Gardesana

Altri articoli del tema antica Roma : Lingua latina, Via Gardesana, Via Lucinia, Via Massiminia, Opere ambientate nell'antica Roma, Via Vicinalis, Via Valeriana Sebina

Altri articoli del tema trasporti : Giotti Victoria, Cepav Due, Lista di paesi per veicoli pro capite, Via Romea Padana, Servizio ferroviario suburbano di Reggio Calabria, Via Cannobiana, Air Saint-Pierre "Article ?" contains a listed "?" character as part of the property label and has therefore been classified as invalid.



Questo articolo wiki "Via Settimia Severa" è da Wikipedia The list of its authors can be seen in its historical and/or the page Edithistory:Via Settimia Severa.



Compte Twitter EverybodyWiki Follow us on https://twitter.com/EverybodyWiki !