Welcome to EverybodyWiki ! Nuvola apps kgpg.png Sign in or create an account to improve, watchlist or create an article like a company page or a bio (yours ?)...

Stefano Brignoli

Da EverybodyWiki Bios & Wiki.
Jump to navigation Jump to search



Stefano Brignoli
Errore Lua in Modulo:Wikidata alla linea 443: attempt to index field 'wikibase' (a nil value).
NazionalitàItalia Italia
GenereItalo disco
Periodo di attività musicale1983 – in attività
Strumentovoce
Modulo:Wikidata:443: attempt to index field 'wikibase' (a nil value)

Errore Lua in Modulo:Wikidata alla linea 443: attempt to index field 'wikibase' (a nil value).Errore Lua in Modulo:Wikidata alla linea 443: attempt to index field 'wikibase' (a nil value).

Errore Lua in Modulo:Wikidata alla linea 443: attempt to index field 'wikibase' (a nil value).

Biografia[modifica]

Figlio di Carlo, veterinario, e di Delfina Bolis, maestra elementare, ha quattro sorelle ed un fratello: Manuela, Pierluigi, Rossella, Marina e Laura. Ha vissuto tra Sarnico, paese natale sul lago d'Iseo, Farra di Soligo nel trevigiano, poi di nuovo nella bergamasca. Si diploma nel 1978 all'Istituto Tecnico per il Turismo "G. Leopardi" e nel Settembre dello stesso anno parte alla volta di Cordenons, in Friuli, per svolgere il servizio militare nel corpo dei carristi. Sposato nel 1987, nel ’97 arriva Giada, sua unica figlia. Divorzia nel 2010. Stefano discende da personalità nell’opera lirica, primo fra tutti il tenore Luigi Bolis, suo trisavolo, quindi i bisnonni Dante Bolis, baritono, e Delfina Battaglia, soprano.

La sua prima esibizione in pubblico avviene nel 1971, a 12 anni, in un cinema-teatro di Farra di Soligo (TV). In quegli anni, come autodidatta, comincia a suonare la batteria, la chitarra e il pianoforte e ciò gli permette di comporre i suoi primi brani. È parte attiva nella nascita delle "radio libere" conducendo programmi per 11 anni a Radio Lagouno di Sarnico (BG). Si iscrive nel 1983 alla S.I.A.E. come autore e compositore e da quell’anno comincia a firmare brani, principalmente Italo Disco, che lo porteranno in tutto il mondo.

Nel 2000 autoproduce un suo LP intitolato “L’abbraccio” composto da otto brani che trattano storie di vita che lui reinterpreta; il CD però non vedrà mai il mercato[1]. Nel 2001 riprende un’intensa e ufficiale attività di composizione e da questa nuova ondata compositiva, due brani, “Tapis triple” e “Blumarine”, vengono scelti ed utilizzati nel 2008 come colonna sonora del film “Brume basse” del regista Roberto Attolini[1]. Nel 2017, dopo quattro anni di lavoro, il regista Pietro Anton inaugura il documentario “Italo Disco Legacy” dove si raccontano, attraverso i protagonisti tra cui Stefano Brignoli[2], le origini, la diffusione ed il successo della musica Italo Disco. Il filmato di un’ora e un quarto circa, coadiuvato da nuove produzioni musicali sullo stesso genere, viene presentato a Berlino, Londra, Milano, Budapest, Los Angeles, Bordeaux, Roma, Bologna ed altri siti e contribuisce alla diffusione della conoscenza di un genere musicale sempre più apprezzato anche dalle nuove generazioni che non l’hanno vissuto ai tempi della sua nascita.

Dal 2005 Stefano Brignoli si cimenta anche nella scrittura di romanzi che ritraggono la vita di oggi a cavallo tra social e realtà.

Discografia[modifica]

Con i team di Radio Lagouno (Sarnico, BG) e Radio Atlantide (Bergamo, BG) viene alla luce la seguente discografia:

  • 1983 - Don’t be afraid (per Some Bizarre con M. Scarabelli) Ed. Il Discotto Productions, prodotto da Marino Scarabelli e Tiberio Scarfone[3]
  • 1983 - Are you loving (per Brand Image con M. Scarabelli) Ed. Il Discotto Productions, prodotto da Marino Scarabelli e Tiberio Scarfone[4]
  • 1984 - Movin’ up (per Brand Image con M. Scarabelli) Ed. Il Discotto Productions, prodotto da Marino Scarabelli e Tiberio Scarfone[5]
  • 1984 - Surprise (per Deborah Kinley con S. Grieco e R. Milella) Ed. Atlantide Music, prodotto da Corrado Manzoni e Richard Milella
  • 1984 - Very well (per Deborah Kinley con S. Grieco e R. Milella) Ed. Atlantide Music, prodotto da Corrado Manzoni e Richard Milella[6]
  • 1984 - Love in a summer night (per Brand Image con M. Scarabelli) Ed. Time Records, prodotto da Giuliano Crivellente e Mauro Farina
  • 1985 - All for you (per Deborah Kinley con S. Grieco e R. Milella) Ed. Atlantide Music, prodotto da Corrado Manzoni e Richard Milella
  • 1985 - Monday baby (per Deborah Kinley con S. Grieco e R. Milella) Ed. Atlantide Music, prodotto da Corrado Manzoni e Richard Milella[7]
  • 1985 - Shaking lovers (per Webo con L. Fedele, S. Grieco e R. Milella) Ed. Atlantide Music, prodotto da Corrado Manzoni e Richard Milella[8]
  • 1986 - Loving again (per Thomas T con M. Scarabelli) Ed. Lombardoni, prodotto da Giuliano Crivellente e Mauro Farina
  • 1986 - Miracles (per Webo con A. Denti e G. Giovanelli) Ed. Lombardoni, prodotto da Andrea Denti e Richard Milella
  • 1987 - Flashback (per J.J. Foster con A. Denti e I. Suardi) Ed. Flarenasch, prodotto da Andrea Denti e Richard Milella
  • 1987 - Run stop (per Kissing the Kiss con R. Lajolo e F. Rizzolo) Ed. Lombardoni, prodotto da Livio Polini e Edgardo Vavassori
  • 1989 - Magic holiday (per Cherry con G. Giovanelli, L. Manzi, R. Milella e M. Rancati) Ed. Le Parc Music, prodotto da Andrea Denti e Richard Milella[9]
  • 2002 - Blumarine (per DJ Livietto Barry con S. Bonzanni, N. Percali e L. Polini) Ed. Buena Suerte, prodotto da Athos Poma
  • 2003 - One thing (per Erika con S. Bonzanni e E. Sbriglio) Ed. Buena Suerte, prodotto da Athos Poma
  • 2004 - Tapis triple (per DJ Marcus con GF. Maffi, M. Palla, F. Pendesini e L. Polini) Ed. Buena Suerte, prodotto da Athos Poma
  • 2015 - Love in a summer night (per Some Bizarre con M. Scarabelli) Ed. Flashback Records, prodotto da Kimmo Salo, Marino Scarabelli e Tiberio Scarfone
  • 2015 - Over the rainbow (per Some Bizarre con M. Scarabelli) Ed. Delivery Records, prodotto da Stefano Brignoli, Eddy Mi Ami e Marino Scarabelli[10]

I brani vengono pubblicati con le più note etichette discografiche del settore: 4ever Music, Analog Language, Atlantide Music, Blanco y Negro Music, Crash, Dark Entries, Dig It, Discomagic Records, Discomusic, Durium, ES, Flarenasch, Face Records, Hispavox, Hot Hits, I Venti d’Azzurro, Il Discotto Productions, K-tel, La Bambolina, Lombardoni, Lazer, Match Music, Medellin Mixage, Meet, Mirunja, MPO, New Music International, Out, Rare80, Roller Disco, SAIFAM, Seven Seas, Sublime, Time Records, V2M, Yellowstone, Zafiro, Zyx Music.

Partecipazione ad Eventi internazionali[modifica]

  • 2014 - 22 novembre - “Kom in de Kas”, Bloemenfarm di Stompwijk, Paesi Bassi[11]
  • 2014 - 20 dicembre - “Brand Image Live”, Teejater di Naaldwijk, Paesi Bassi[12]
  • 2015 - 15 maggio - “Sthlm Italo Disco Party 2015”, Teatro Nalen di Stoccolma con gli artisti Annie Anner, Fancy, Italove, Kebu, Ken Laszlo, Koto, Linda Jo Rizzo, Scotch, Shangai Rex[13]
  • 2016 - 7 maggio - “30 Years I Venti D’Azzurro Celebration” con Marino Scarabelli, Santeria Social Club di Milano, Italia
  • 2016 - 8 ottobre - “Wollebrand Italo Dance Party” con Wish Key, Wollebrand di Honselersdijk, Paesi Bassi[14]
  • 2017 - 3 giugno - “Italo Disco Party” con Marcello Catalano e Raffaele Fiume, King Fashion Team di Città del Messico, Messico
  • 2017 - 9 settembre - “3° Megaraduno Peeter Club” con Wish Key, Peeter Club a Foresto Sparto (BG)[15]

Romanzi[modifica]

  • Stefano Brignoli, I frutti della passione, Milano, Uni Service, 2005, ISBN 978-8861784581.
  • Stefano Brignoli, La luna in blue-jeans, Milano, Edizioni del Faro, 2010, ISBN 978-8865375921.

Note[modifica]

  1. 1,0 1,1 stefanobrignoli.it, http://www.stefanobrignoli.it/musicista2.html.
  2. soundwall.it, https://www.soundwall.it/italo-disco-legacy-il-documentario-su-un-genere-di-cui-andare-fieri/.
  3. Inclusa nelle compilation: “80’s Dance Story Italo Hits”, “Retro Futurism Italo is still Alive”.
  4. Inclusa nelle compilation: “80’s Dance Story Italo Hits”, “Discottanta Quattro ’84 Oldies Collection”, “European Maxi Single Hit Collection Vol. 57”, “Five”, “Flemming Dalum Italo Classix”, “I love Disco Diamonds Collection Vol. 23”, “Hula Hoop”, “Italian Disco Music”, “Italo Boot Mix Vol. 1”, “Italo Disco Legends Vol. 4”, “Italo Fundamentalo Presents: Believe in Yourself”, “Masterpiece no. 1”, “Mixed up in The Hague Vol. 2”, “Mozzart & Co.”, “Synthetic Disco Music”, “The Golden Years – 1981 / 2000”, “The Italo Disco Collection Vol. 3”, “The World of Italo Bootmixes”.
  5. Inclusa nelle compilation: “80’s Dance Story Italo Hits”, “European Maxi Single Hit Collection Vol. 59”, “I love Disco 80”, “I love Disco Diamonds Collection Vol. 28”, “Icecream”.
  6. Incluse nelle compilation: “’80 Mixmania Vol. 2”, “All Stars Disco 17 & 18”, “Deca Dance ’80 Collection 1”, “European Maxi Single Hit Collection Vol. 50”, “I love Disco Diamonds Collection Vol. 33”, “Italo Disco The Lost Tracks Vol. 2”, “Magic Dee Jay”, “Magic Mix”.
  7. Incluse nelle compilation: “European Maxi Single Hit Collection Vol. 3”, “European Maxi Single Hit Collection Vol. 5”, “I love Disco Diamonds Collection Vol. 34”, “Les Tubes en FM Vol. 2”, “Samara Boot Mix 008”, “Stars on 45 Let’s Dance!”.
  8. Inclusa nelle compilation: “I love Disco Diamonds Collection Vol. 34”, “Playback Fantasy”, “Rare80”, “The Legend of Italo Disco Vol. 2”.
  9. Inclusa nelle compilation: “Disco Hits Paradise Collection”, “European Maxi Single Hit Collection Vol. 49”, “I love Disco 80’s Vol. 7”, “New Music Style”, “Powermix Vol. 3”, “T.Rexx The PWL Megamix Vol. 1”.
  10. Inclusa nella compilation: “Venti Compilation 4”.
  11. Video Evento
  12. Video Evento
  13. Video Evento
  14. Video Evento
  15. Video Evento

Collegamenti esterni[modifica]


Questo articolo wiki "Stefano Brignoli" è da Wikipedia The list of its authors can be seen in its historical and/or the page Edithistory:Stefano Brignoli.



Compte Twitter EverybodyWiki Follow us on https://twitter.com/EverybodyWiki !