Welcome to EverybodyWiki ! Nuvola apps kgpg.png Sign in or create an account to improve, watchlist or create an article like a company page or a bio (yours ?)...

Solid Vision

Da EverybodyWiki Bios & Wiki.
Jump to navigation Jump to search

Solid Vision
Errore Lua in Modulo:Wikidata alla linea 443: attempt to index field 'wikibase' (a nil value).
Paese d'origineItalia Italia
GenereProgressive metal
Periodo di attività musicale2000 – in attività
EtichettaProgman Records
Album pubblicati4
Studio3
Live1
Modulo:Wikidata:443: attempt to index field 'wikibase' (a nil value)

Errore Lua in Modulo:Wikidata alla linea 443: attempt to index field 'wikibase' (a nil value).Errore Lua in Modulo:Wikidata alla linea 443: attempt to index field 'wikibase' (a nil value).

I Solid Vision sono un gruppo progressive metal italiano formatosi a Cagliari nel 2000 dopo lo scioglimento dei precedenti M.A.P.O..

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Le origini[modifica | modifica sorgente]

Il gruppo si è formato nel 2000 a Cagliari come trio, inizialmente con il nome di "Solid Session III", ispirandosi ai nomi degli album dei Liquid Tension Experiment[1]. La band, inizialmente formata da Brian Maillard alla chitarra, Riccardo Atzeni al basso e Yan Maillard alla batteria[2] nasceva dalle ceneri dei precedenti M.A.P.O. di cui il trio faceva parte negli anni '90 e con il quale incisero l'album auto-prodotto If Only (1999).[3]. Con l'entrata in gruppo di Samuele Pintus il nome divenne "Solid Session IV", mutato nuovamente in "Solid V" con l'arrivo del tastierista Americo Rigoldi.

Con il brano inedito I Believe in You, che farà parte del primo album, i Solid Vision vincono la tappa cagliaritana dell'I-Tim Tour 2003, organizzato da Rock TV, esibendosi in Piazza Duomo a Milano e partecipando a diverse manifestazioni musicali e concerti live trasmessi su canali televisivi satellitari.[1] In breve tempo, il gruppo riceve proposte da diverse case discografiche e arriva a firmare il primo contratto con la Evanthia Records International/Century Media Records.

Il primo album: Eleven[modifica | modifica sorgente]

Il primo album ufficiale prende il nome di Eleven (Evanthia Records), dal numero che ha caratterizzato i passi dalla nascita La pagina Modulo:Chiarimento/styles.css è priva di contenuto.[non chiaro] della band[1] e venne presentato nel 2004 al Piccolo Auditorium di Cagliari. Il disco presenta brani abbastanza brevi per il genere in questione, con strutture caratterizzate da repentini cambi di tempo in cui la band può esibire l'abilità tecnica a cui questo genere musicale è votato da sempre[1]. Parte del ricavato viene destinato al Progetto Polioplus, per la cura e la prevenzione della poliomielite, sostenuto dal Rotary Club International e dal Rotaract Golfo degli Angeli. Il tour che seguì al disco li vide in concerto nei Paesi Bassi, in Svizzera ed in Italia[4], per poi essere invitati come local guest ad una delle tappe del tour italiano degli Helloween e Children of Bodom; inoltre, grazie alle numerose apparizioni pubbliche, Brian Maillard e Riccardo Atzeni conquistano l'endorsement della prestigiosa casa giapponese Ibanez.[5]. Negli anni a seguire poi i componenti della band diverranno dimostratori di altri marchi prestigiosi come Mesa, Morley, Cvl Drums, UFIP[4] ed Evans[6]

The Hurricane ed il progetto Dominici[modifica | modifica sorgente]

Nel 2006 uscì il loro secondo album intitolato The Hurricane (Progman Records). Durante il tour che seguì la band suonò come special guest con Charlie Dominici, cantante dei Dream Theater, con cui strinsero amicizia prendendo poi parte al suo progetto solista di cui Brian e Yan Maillard sono co-autori delle musiche, che eseguono assieme a Rigoldi e Atzeni, negli album O3: A Trilogy - Part 2 (Spv/InsideOut, 2007) e O3: A Trilogy - Part 3 (Spv/InsideOut, 2007) firmati "Dominici"[2].

Il terzo album: Sacrifice[modifica | modifica sorgente]

Nel 2010 Riccardo Atzeni lascia il gruppo, e viene sostituito in entrambe le formazioni (Solid Vision e Dominici) da Lucio Manca; con lui viene inciso l'album Sacrifice, con la partecipazione del sassofonista Amedeo Bianchi nel brano Memories. Il disco dalle sonorità tipicamente Prog-metal lascia spesso aperture verso l'heavy metal ed il power metal[2]. Lo stesso anno la band pubblica il primo videoclip ufficiale del brano Apocalypse[7] trasmesso anche su Rock TV.

Nel 2011 la band realizza il primo intero live in DVD, riproponendo l'album Eleven, registrato l'11.11.11, data che dà nome al video.

Nel 2013, il cantante Samuele Pintus e il bassista Lucio Manca lasciano la band.

Brian Maillard[modifica | modifica sorgente]

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Attuale[modifica | modifica sorgente]

Ex componenti[modifica | modifica sorgente]

  • Samuele Pintus – voce (dal 2000 al 2013)
  • Riccardo Atzeni – basso (dal 2000 al 2010)
  • Lucio Manca – basso (dal 2010 al 2013)

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album in studio[modifica | modifica sorgente]

Album dal vivo[modifica | modifica sorgente]

Con i M.A.P.O.[modifica | modifica sorgente]

  • 1999 – If Only

Con i Dominici[modifica | modifica sorgente]

Brian Maillard[modifica | modifica sorgente]

  • 2008 – Melody in Captivity (Brian Maillard alle chitarre, Yan Maillard alla batteria, Riccardo Atzeni al basso)
  • 2014 – Reincarnation (Brian Maillard alla chitarra, basso e tastiere, Yan Maillard alla batteria)

Videografia[modifica | modifica sorgente]

DVD[modifica | modifica sorgente]

Videoclip[modifica | modifica sorgente]

  • Filmato audio Apocalypse, 31 gen 2011. URL consultato il 15 marzo 2019.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. 1,0 1,1 1,2 1,3 Carlo Viano, Solid Vision - Eleven, su Metal.it. URL consultato il 19 marzo 2019.
  2. 2,0 2,1 2,2 Lorenzo Bacega, Recensione: Sacrifice, su TrueMetal.it, 29 novembre 2010. URL consultato il 19 marzo 2019.
  3. M.A.P.O. – If Only, su Discogs. URL consultato il 19 marzo 2019.
  4. 4,0 4,1 Biography, su myspace.com. URL consultato il 21 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 12 marzo 2012).
  5. (EN) Ibanez 2005 catalog (PDF), su meinldistribution.eu, p. 37. URL consultato il 19 marzo 2019.
  6. Filmato audio Yan Maillard DOMINICI-SOLID VISION (Evansdrumheads), 27 Giugno 2011. URL consultato il 22 marzo 2019.
  7. Filmato audio Apocalypse, 31 gen 2011. URL consultato il 15 marzo 2019.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • Errore Lua in Modulo:Wikidata alla linea 443: attempt to index field 'wikibase' (a nil value).
  • (EN) Solid Vision, su Prog Archives. URL consultato il 15 marzo 2019.


Tema(i) : metal rock progressivo

Altri articoli dei temi metal E rock progressivo : Casey Grillo, Richard Warner

Altri articoli del tema metal : Pray for Plagues, Elegy of Madness, Guus Eikens, Jon Brännström, Day of Contempt, Falagar, Ryō Kawakita

Altri articoli del tema rock progressivo : Apoteosi (gruppo musicale), Richard Warner, Antares (gruppo musicale), Mark Vanderbilt, Il Mucchio (album), Don't Try This at Home, Ad Perpetuam Memoriam




Questo articolo wiki "Solid Vision" è da Wikipedia The list of its authors can be seen in its historical and/or the page Edithistory:Solid Vision.


Compte Twitter EverybodyWiki Follow us on https://twitter.com/EverybodyWiki !