Welcome to EverybodyWiki ! Nuvola apps kgpg.png Sign in or create an account to improve, watchlist or create an article like a company page or a bio (yours ?)...

Presidenza di Ilham Aliyev

Da EverybodyWiki Bios & Wiki.
Jump to navigation Jump to search


Ilham Aliyev a Vienna, Maggio 16

Ilham Aliyev è il quarto presidente della Repubblica dell'Azerbaigian. La sua presidenza è iniziata nel 2003, e successivamente confermata negli anni 2008, 2013, 2018.

Elezioni[modifica | modifica sorgente]

Il 15 ottobre 2003 in Azerbaigian si sono svolte le quinte elezioni presidenziali della storia della Repubblica. Nel luglio dello stesso anno la commissione elettorale centrale aveva registrato la candidatura di Heydar Aliev, che all’epoca si avviava verso la conclusione del suo secondo mandato presidenziale. Anche Ilham Aliyev aveva avanzato la propria candidatura. Oltre agli Alyev, alle elezioni presero parte Isa Qambar, leader del partito di opposizione Musavat, Etibar Mamedov, leader del partito per l’indipendenza nazionale dell’Azerbaigian, Lalə Şövkət, leader del partito di unità nazionale, Ilyas Ismailov, leader del partito della Giustizia, Sabir Rustamhalni, leader del partito di Solidarietà cittadina, Qudrat Qasanguliev del partito del Fronte Nazionale dell’Azerbaigian e Hafiz Qaciev del partito Musavat contemporaneo.[1] Il 2 ottobre, a causa del peggioramento delle proprie condizioni di salute, Heydar Aliyev rinunciò alla propria candidatura in favore del figlio. Le elezioni furono vinte da Ilham Aliyev, come annunciato il 28 ottobre dal Tribunale Costituzionale dell’Azerbaigian.[2]

Candidato Numero di voti[1]
Ilham Aliyev 1 860 346 (76,84 %)
Isa Qambar 372 385 (13,97 %)
Lalə Şövkət 100 558 (3,62 %)

Il 31 ottobre 2003 nel Palazzo della Repubblica si svolse la cerimonia di insediamento di Ilham Aliyev, alla quale parteciparono i deputati del Milli Majlis (Assemblea Nazionale), rappresentanti dei partiti politici, organizzazioni sociali, militari, rappresentanze religiose, e perfino rappresentanti di Stati stranieri, quali il Presidente georgiano Eduard Shevarnadze, il Presidente del Consiglio Federale della Russia Sergej Mironov, il vice Primo Ministro turco Abdullatif Şeneri, il vice Presidente iraniano Seyid Mohammadali Abdahi e il Primo Ministro ucraino Viktor Janukovič.[3]

Le elezioni presidenziali azerbaigiane del 2008 si svolsero il 16 ottobre. Le votazioni riguardavano 7 candidati e 6 partiti, dal momento che un candidato si è presentato come indipendente: Ilham Aliyev del partito in carica “Yeni Azerbaycan” (Nuovo Azerbaigian), Iqbal Agazade del partito di opposizione “Speranza”, Fazil Qasanfaroglu del partito “Grande Creazione”, Qurdet Qasanquliev del partito “Nuovo fronte dell’Azerbaigian integro”, Hafif Haciev del partito “Musavat contemporaneo”, Fuad Aliyev del partito liberale-democratico e il candidato indipendente Qulamquseyn Alibeyli. Durante il voto Ilham Aliyev raccolse una percentuale compresa tra l’82,6% e l’85,7% dei voti. Infine, con l’88,73% dei voti Ilham Aliyev vinse le elezioni presidenziali azerbaigiane.[4]

Candidato Numero di voti
Ilham Aliyev 88,73 % [6]
Iqbal Agazade 2,86 %
Fazil Qasanfaroglu 2,47 %

Il 24 ottobre 2008, presso il palazzo intitolato a Heydar Aliyev, si svolse la cerimonia di insediamento di Ilham Aliyev, scelto per un secondo mandato il 15 ottobre. Alla cerimonia il Presidente delineò le linee di lavoro per i 5 anni a venire, e i piani per i successivi 5 anni. All’evento presero parte i rappresentanti degli altri partiti dell’Azerbaigian, il Presidente della Georgia, il capo dell’amministrazione presidenziale della Federazione Russa Sergej Naryškin, il vice Premier turco Camil Çiçek e altri rappresentanti internazionali.[5][6]

Il 9 ottobre 2013 in Azerbaigian si svolsero le settime elezioni presidenziali. In principio le elezioni erano pianificate il 16 ottobre, ma a causa della sovrapposizione con la festività di Kurban Bayram, queste vennero anticipate di una settimana. I candidati erano 21, tra cui solo 10 ufficialmente registrati: Ilham Aliyev del partito “Nuovo Azerbaigian”, Camil Qasanli del partito “Consiglio nazionale delle forze democratiche”, Hafiz Qaciev del partito “Musavat contemporaneo”, Iqbal Agazade del partito “Speranza”, Ilias Ismailov del partito “Giustizia”, Farac Guliev del partito “Movimento nazionale di rinascita”, Qudrat Qasanquliev del partito “Fronte Nazionale Azerbaigiano”, Araz Alizade del partito Social-democratico azerbaigiano, Sardar Mamedov del partito Democratico azerbaigiano e Zahid Oruc, candidato indipendente.[7]

Per la prima volta la commissione elettorale centrale decise di dare la possibilità di condurre una campagna elettorale gratuita tramite TV e radio: sei ore alla settimana (3 ore in TV e 3 in radio), e in giorni stabiliti per un’ora i candidati si sono potuti confrontare attorno a una tavola rotonda. La vittoria alle elezioni fu conquistata dal Presidente uscente Ilham Aliyev, che raccolse l’84,54% dei consensi.[8]

Candidato Numero di voti
Ilham Aliyev 3 126 113 (84,54 %)
Camil Qasanli 204 642 (5,53 %)
Iqbal Agasade 88, 723 (2.40 %)

Il 19 ottobre 2013 presso il Parlamento dell’Azerbaigian si svolse la cerimonia di insediamento di Ilham Aliyev che, a seguito dei risultati delle elezioni del 9 ottobre, fu confermato Presidente.[9]

L’11 aprile 2018 hanno avuto luogo le elezioni presidenziali anticipate, che si sarebbero dovute svolgere nell’ottobre dello stesso anno, anticipate per decreto presidenziale del 5 febbraio 2018. Con l’86,22% del consenso, il Presidente in carica Ilham Aliyev vinse le consultazioni.[10]

Candidato Numero di voti
Ilham Aliyev 3 192 252 (86,22%)[11]
Zahid Oruc 115 462 (3,11%)
Qudrat Qasanquliev 112 915 (3,05%)

Il 18 aprile, nell’edificio del parlamento azerbaigiano avvenne la cerimonia di insediamento del ri-eletto Presidente con la partecipazione di rappresentanti istituzioni statali dell’Azerbaigian,  membri del Governo, deputati del Parlamento e membri della famiglia presidenziale.[12]

Politica interna[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver preso l'incarico dellaa presidenza, Ilham Aliyev si è occupato dello sviluppo globale del Paese. Uno dei primi documenti firmati fu la disposizione di “misure per l’accelerazione dello sviluppo sociale ed economico della Repubblica dell'Azerbaigian”, e “l’affermazione dello sviluppo sociale ed economico delle regioni della Repubblica dell'Azerbaigian negli anni 2004/2008”. Riguardo a quest’ultimo già nel primo anno del programma furono aperte 27 grandi e medie imprese, e più di 135 mila nuovi posti di lavoro.[6]

Nel 2004 venne emanata la legge “Strategia a lungo termine per la direzione dei proventi di petrolio e gas (2005-2025)”, che assegna i proventi dal settore petrolifero allo sviluppo del settore non petrolifero.[13]

Il 26 ottobre 2005 il Presidente ha firmato un ordine per l’affermazione delle “strategie di impiego della Repubblica dell’Azerbaigian negli anni 2006-2015”, che assegna garanzia di sostenibilità di tutte le risorse, in particolare quelle lavorative, per la costruzione di una società forte economicamente.[14]

Nel 2007 per due volte firmò un decreto di grazia per condannati, grazie al quale più di 200 carcerati vennero o liberati o videro la propria pena ridotta.[15]

Con riferimento agli "Obiettivi di sviluppo del millennio" dell’ONU, il 15 settembre 2008 Ilham Aliyev firmò un ordine per l’integrazione del "Programma nazionale di diminuzione della povertà e la stabilità dello sviluppo nella Repubblica dell'Azerbaigian negli anni 2008-2015".[16]

Nel 2009 ratificò il “Programma nazionale per lo sviluppo sociale ed economico delle regioni della Repubblica dell'Azerbaigian negli anni 2009-2013”, che ebbe un ruolo importante nell’espansione imprenditoriale e di conseguenza nella creazione di nuovi posti di lavoro. Questo programma fu indirizzato al miglioramento del benessere e alla diminuzione del livello di povertà della popolazione. Nel 2011 in Azerbaigian furono fondate 5 100 nuove imprese e creati 72 400 nuovi posti di lavoro. All’interno di questo programma il sistema delle infrastrutture venne migliorato: nelle regioni furono costruiti 18 nuovi ponti e gallerie stradali, furono sistemati o costruiti in totale più di 600 km di strade. La programma si prevedeva alle regioni anche la garanzia di elettricità, gas e riscaldamento. Per la prima volta in Azerbaigian, nel territorio del Gobustan, vennero costruiti e avviati poligoni sperimentali di tipo ibrido. L’8 aprile il Presidente firmò il decreto "per la cancellazione dei debiti della popolazione per la garanzia dell’acqua potabile e i servizi di canalizzazione", grazie al quale furono annullati debiti a privati per una somma di 294,2 milioni di manat.[17]

Secondo il decreto presidenziale dell’11 agosto 2010 fu rettificato il "Programma nazionale per lo sviluppo delle connessioni e delle tecnologie informatiche nella Repubblica dell'Azerbaigian negli anni 2010-2012".[18]

Il 15 novembre 2011 il Presidente firmò l’ordine di rettifica del "Programma nazionale per la realizzazione della strategia di impiego della Repubblica di Azerbaigian negli anni 2006-2015".[19]

Il 28 febbraio 2012 a Baku ebbe luogo un congresso dedicato ai risultati del terzo anno di realizzazione del "Programma nazionale per lo sviluppo sociale ed economico delle regioni della Repubblica dell'Azerbaigian negli anni 2009-2013" e Ilham Aliyev partecipò al congresso. Nel corso delle comunicazioni fu data rilevanza agli obiettivi raggiunti e ai piani per futuri contributi allo sviluppo e alla realizzazione del programma.[20]

Per decreto presidenziale del 13 luglio 2012 (N. 685) "sulla creazione di un’agenzia nazionale di servizi ai cittadini e per l’innovazione sociale sotto la Presidenza della Repubblica dell'Azerbaigian e sulle misure di perfezionamento dei servizi forniti ai cittadini” furono creati i centri di servizio “ASAN”. Il 5 settembre 2012 Ilham Aliyev firmò un secondo decreto "sulla garanzia di attività dell’agenzia nazionale dei servizi ai cittadini e per l’innovazione sociale sotto la Presidenza della Repubblica dell'Azerbaigian", che prevedeva l’ampliamento nei centri di servizio “ASAN” dei tipi di servizio già presenti e di servizi elettronici.[21]

Il 29 dicembre 2012 il Presidente firmò un decreto di implementazione del concetto di sviluppo "Azerbaigian 2020: uno sguardo al futuro".[22]

Il 17 gennaio 2013 emanò un decreto per la fondazione del Comitato organizzativo per l’attuazione nel 2015 a Baku dei primi Giochi Europei.[23]

Nel 2013 con l’obiettivo di amplificare l’ambito dell’istruzione e la diffusione della lingua azera, nell’ambito del concetto di sviluppo "Azerbaigian 2020: uno sguardo al futuro" Ilham Aliyev affermò "il programma nazionale per l’utilizzo della lingua azerbaigiana nei servizi di globalizzazione in relazione alle esigenze temporali e di sviluppo della conoscenza linguistica nel Paese". Nel programma furono inclusi 5 compiti prioritari: (1) il perfezionamento della base normativo-legale, (2) l’espansione dell’insegnamento della lingua, (3) l’espansione dell’uso della lingua, (4) la promozione della lingua nei mezzi di informazione di massa, (5) l’impiego di tecnologie informatiche e comunicative nela sfera dell’istruzione e della promozione della lingua.[24]

Il 14 febbraio 2013 firmò la dichiarazione di "Fondazione del Comitato Organizzativo per l’attuazione nella città di Baku nel 2015 della Coppa del mondo di scacchi e nel 2016 delle Olimpiadi mondiali degli scacchi". Nel decreto era anche indicata la formazione del comitato.[25]

Il 13 febbraio 2014, al fine di garantire la trasparenza, l'efficienza e accelerare il processo, Ilham Aliyev ha firmato un decreto sulla creazione di un "Corte elettronico" e ha dato gli ordini pertinenti al Consiglio dei Ministri.[26]

Il 14 febbraio 2014, al fine di garantire lo sviluppo della cultura azerbaigiana e la sua integrazione con successo nella cultura mondiale, ha firmato un decreto che approva il "Concetto di cultura della Repubblica dell'Azerbaigian".[27]

Il 19 gennaio 2015 fu firmata la dichiarazione di attuazione del "Piano di azione legato alla realizzazione della strategia nazionale per lo sviluppo dell’istruzione nella Repubblica dell'Azerbaigian”.

Il 13 maggio 2015 il Presidente partecipò all’apertura del Velopark. Durante la cerimonia il Presidente si informò sul piano generale del Velopark e incontrò i membri della squadra di ciclismo.[28]

Il 18 settembre 2015 firmò la dichiarazione per la formazione di un Comitato organizzativo per la gestione dei IV Giochi della solidarietà islamica nel 2017.[29]

Il 4 maggio 2016 firmò un decreto per la creazione dei centri “ASAN Kommunal”, che riguarda la realizzazione di servizi per il pubblico e per altri clienti.[30]

Nel settembre del 2016 con l’obiettivo di formare ed assicurare un ulteriore sviluppo del turismo nel Paese, il Presidente firmò la dichiarazione sulle "Misure aggiuntive per lo sviluppo del turismo nella Repubblica dell'Azerbaigian", grazie alla quale venne fondato il Consiglio del turismo.[31]

Il 17 ottobre 2016 nel Centro culturale Heydar Aliyev venne organizzato un ricevimento ufficiale dedicato al venticinquesimo del ripristino dell’indipendenza nazionale della Repubblica dell'Azerbaigian. Ilham Aliyev partecipò al ricevimento e tenne il seguente discorso[32]: “25 anni è una grande storia. Noi abbiamo già mostrato a tutto il mondo che possiamo vivere indipendentemente e con successo. Una chiara dimostrazione di ciò è data dalle nostre città diventate più belle, dalla preservazione delle regioni e da una delle più belle città del mondo, Baku. Noi andremo avanti con questa strada scelta e condurremo una politica indipendente. Noi andremo avanti, seguendo il desiderio del popolo. La nostra indipendenza non è reversibile, è eterna. Auguro a tutto il popolo azerbaigiano nuovi successi e il rafforzamento della nostra indipendenza”.

Il 17 novembre 2017 firmò la dichiarazione di attuazione del decennio del "Processo di Baku".

Il 10 gennaio 2018 firmò la dichiarazione di annuncio dell’anno 2018 come "l'Anno della Repubblica Democratica dell'Azerbaigian" e il 18 gennaio la realizzazione dell’evento in ricordo del "Centenario del genocidio degli azerbaigiani nel 1918".[33][34]

Il 29 gennaio 2018 il Presidente partecipò e intervenne a un convegno dedicato ai risultati del quarto anno della realizzazione del Programma nazionale per lo sviluppo economico e sociale delle regioni negli anni 2014-2018.[35]

Nel febbraio 2018 nel Centro culturale Heydar Aliyev iniziarono i lavori del IV congresso del partito “Yeni Azerbaigian”. Il rappresentante del partito Ilham Aliyev partecipò all’evento e tenne una comunicazione.

Il 9 febbraio 2018 firmò un documento di ratifica del "Programma nazionale per lo sviluppo della risicoltura nella Repubblica dell'Azerbaigian negli anni 2018-2025" e il 12 febbraio del "Programma nazionale per lo sviluppo della coltivazione del tè nella Repubblica di Azerbaigian negli anni 2018-2027".[36]

Il 1 agosto il presidente partecipò alla cerimonia di concessione di appartamenti e automobili per gli invalidi del Karabakh, della II guerra mondiale, di Černobyl e delle famiglie di Shahid nel villaggio di Lokbatan del quartiere Qaradaq di Baku. In totale furono presentati 35 appartamenti e 136 automobili.

Il 6 novembre 2018 per decreto presidenziale con la supervisione del Ministero dei trasporti, connessioni e alta tecnologia della Repubblica di Azerbaigan fu fondata l’Agenzia per l’innovazione.

Il 12 novembre 2018 a Baku si è svolta l’inaugurazione dell’edificio amministrativo del Centro di sviluppo di e-government sotto la supervisione dell’Agenzia nazionale per la consegna dei servizi ai cittadini e all’innovazione sociale sotto la guida del Presidente della Repubblica di Azerbaigian.[37]

Diplomazia petrolifera[modifica | modifica sorgente]

Il 3 febbraio 2004 a Baku, nel Palazzo Gulustan, con la partecipazione dei presidenti di Azerbaigian, Georgia e Turchia, si è tenuta una cerimonia con lo scopo di firmare i documenti sull’investimento del progetto Baku-Tbilisi-Ceyhan. Il 16 ottobre dello stesso anno, Ilham Aliyev ha preso parte alla cerimonia di unione delle parti azerbaigiane e georgiane del principale oleodotto Baku-Tbilisi-Ceyhan sul confine azerbaigiano-georgiano.[38]

Il 12 luglio 2006 ad Istanbul si è svolto un incontro tra i presidenti di Azerbaigian, Georgia e Turchia, il cui tema principale era l'oleodotto del trasporto Baku-Tbilisi-Ceyhan, così come la collaborazione fra l'Azerbaigian, la Georgia e la Turchia in altri campi. Il 13 luglio 2006 si è svolta la cerimonia di apertura dell'oleodotto Baku-Tbilisi-Ceyhan.

Secondo l'ordine di Ilham Aliyev del 2 aprile 2010, "Sul miglioramento dei meccanismi di gestione nell'industria petrolchimica", la Società statale Azerkimya viene trasferita sotto la subordinazione della SOCAR.

Il 20 settembre 2014 si è svolta a Baku una cerimonia solenne dedicata al ventesimo anniversario del "Contratto del Secolo" e alla fondazione del Corridoio meridionale del gas. Alla cerimonia hanno partecipato anche il presidente bulgaro Rosen Plevneliev, il primo ministro georgiano Irakli Garibashvili, il primo ministro greco Antonis Samaras, il primo ministro del Montenegro Milo Djukanovic e altri rappresentanti stranieri.

Il 17 settembre 2017, con la partecipazione di Ilham Aliyev, è stato firmato il "Nuovo Contratto del Secolo", secondo il quale l'Azerbaigian e il consorzio internazionale di compagnie petrolifere si sono accordati di estendere il Contratto del Secolo allo sviluppo congiunto di tre giacimenti petroliferi: nel settore azerbaigiano del Mar Caspio fino al 2050.

Il precedente contratto era in vigore fino al 2024. Nel nuovo contratto, la compagnia petrolifera statale della Repubblica di Azerbaigian (SOCAR) ha aumentato la propria quota dall'11% al 25%. Alla cerimonia della ratifica, Ilham Aliyev ha conferito l'ordine di amicizia dell’Azerbaigian al direttore generale della BP, Robert Dudley.[39][40]

Il 29 maggio 2018, a Baku Ilham Aliyev ha lanciato l'inizio della prima fase del Corridoio Meridionale del gas, alcuni giorni dopo, insieme ai presidenti di Turchia e Ucraina, ha partecipato all'apertura del gasdotto Trans-Anatolico a Eskisehir.[41]

Politica estera[modifica | modifica sorgente]

Relazioni con gli Stati Uniti[modifica | modifica sorgente]

Il 28 aprile 2006, a Washington, nella Casa Bianca, si è tenuto un incontro tra Ilham Aliyev e il Presidente degli Stati Uniti d'America, George W. Bush. Durante la riunione, le parti hanno discusso l'attuazione del progetto Baku-Tbilisi-Ceyhan, così come della situazione nella regione e nell'arena internazionale.[42]

Il 29 maggio 2013 si è svolto a Baku il forum azerbaigiano-americano "Sguardo al futuro", all’apertura della quale ha partecipato Ilham Aliyev.

Nell'aprile 2016, Ilham Aliyev ha partecipato al quinto vertice sulla sicurezza nucleare a Washington, durante il quale il Presidente ha incontrato il Segretario statale americano John Kerry. Le parti hanno discusso l'importanza della lotta contro il terrorismo e John Kerry ha menzionato la partecipazione attiva dell'Azerbaigian alla missione di mantenimento della pace in Afghanistan. Il giorno prima, Ilham Aliyev ha incontrato il vicepresidente degli Stati Uniti, Joe Biden. Durante l'incontro sono state discusse le prospettive di ulteriore espansione delle relazioni bilaterali in tutti i settori, nonchè nell’ambito economico.[43]

Il 21 settembre 2017 a New York, nell’ambito della 72ª Assemblea delle Nazioni Unite, Ilham Aliyev ha incontrato il presidente degli Stati Uniti Donald Trump.[44]

Il 5 aprile 2018 si è tenuta la cerimonia di apertura della Conferenza ministeriale del Movimento dei paesi non allineati sul tema "Promuovere la pace e la sicurezza internazionali, in nome di uno sviluppo sostenibile" con la partecipazione di Ilham Aliyev, in cui è stata organizzata l'organizzazione del XVIII Vertice del Movimento 2019 a Baku.[45]

Il 10 agosto 2018, Aliyev ha ricevuto una delegazione guidata dal presidente della Commissione speciale permanente sull'intelligence della Camera dei rappresentanti americana Devin Nunes.

Relazioni con l'ONU[modifica | modifica sorgente]

Nel marzo 2006, Ilham Aliyev, in cooperazione con l'UNICEF, ha approvato un programma statale (2006-2015) sul trasferimento di bambini dagli orfanotrofi alle famiglie e alle cure alternative.[46]

Il 4 maggio 2012 si è tenuta una riunione del Consiglio di sicurezza dedicata alla lotta al terrorismo presso la sede delle Nazioni Unite a New York con la partecipazione di Ilham Aliyev.

Il 28 aprile 2015, il Forum globale delle società aperte ha iniziato il suo lavoro a Baku, a cui Ilham Aliyev ha preso parte.

Il 17 novembre 2015 a Parigi, Ilham Aliyev e la First Lady Mehriban Aliyeva hanno partecipato al Forum dei leader della 38a sessione della Conferenza Generale dell'UNESCO, in cui il Presidente ha tenuto un discorso.[47]

Il 18 febbraio 2017, Ilham Aliyev, nell’ambito della sua visita a Monaco, ha incontrato il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres. Questo è stato il loro primo incontro dopo l'elezione del secondo segretario generale. Il 4-6 maggio si è svolto a Baku il 4 ° Forum mondiale del dialogo interculturale, al quale ha partecipato Ilham Aliyev. Il 18 settembre dello stesso anno, Ilham Aliyev è arrivato a New York per partecipare all'Assemblea generale delle Nazioni Unite, dove ha tenuto un discorso il 20 settembre.[48]

Relazioni con l'Europa[modifica | modifica sorgente]

Poco dopo il suo insediamento, il 10 dicembre 2003, Ilham Aliyev ha preso parte al Vertice mondiale sulla società dell'informazione a Ginevra. Nel quadro del vertice, Ilham Aliyev ha incontrato il presidente della Macedonia, Boris Traikovsky, il presidente del Kirghizistan Askar Akayev, il presidente dell'Armenia Robert Kocharyan, il direttore generale delle Nazioni Unite e altri rappresentanti stranieri.[49]

Ilham Aliyev ha fatto la sua prima visita ufficiale in Francia nel gennaio 2004. Nel giugno dello stesso anno, durante il vertice NATO ad Istanbul e a settembre, nel quadro di una visita di lavoro in Francia, Ilham Aliyev ha incontrato Jacques Chirac.

Nel febbraio 2004, i presidenti dell'Azerbaigian e della Russia, Ilham Aliyev e Vladimir Putin hanno firmato la Dichiarazione di Mosca, dove vengono descritti i rapporti fra l'Azerbaigian e la Russia.

Il 24-26 febbraio 2005, Ilham Aliyev ha fatto una visita ufficiale in Italia, dove ha incontrato il governo dello stato e ha preso parte alla presentazione del forum imprenditoriale dell'Azerbaigian, organizzato dall'Istituto italiano del commercio estero. Durante la visita, sono stati firmati nuovi accordi fra l'Italia e l'Azerbaigian in relazione con la collaborazione nel campo delle dogane, delle informazioni, delle telecomunicazioni, dello sport, della cultura, del comune e della giustizia.[50]

Il 29 gennaio 2007, a Parigi, si è tenuta la cerimonia di presentazione dell'ordine di "Comandante della Gran Croce nazionale della Legion d'onore" a Ilham Aliyev, che a sua volta ha presentato l'ordine di Heydar Aliyev al presidente francese Jacques Chirac.

Il 9 marzo 2007, nel Palazzo Heydar Aliyev ha avuto luogo il primo Forum dei leader delle organizzazioni mondiali e delle diaspore azerbaigiane e turche, con la presenza di Ilham Aliyev e del primo ministro turco Recep Tayyib Erdogan.

Nel gennaio 2012, a Sochi si è tenuto un incontro fra Ilham Aliyev e il presidente della Russia Dmitry Medvedev, con la partecipazione della quale è stato firmato un accordo aggiuntivo fra l'Azerbaigian e la Russia per il contratto di vendita e acquisto di gas naturale.[51]

Il 4 febbraio 2012, Ilham Aliyev ha partecipato alla discussione sul tema "Energia, risorse e ambiente: nuovi parametri di sicurezza" alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco.

L'11 maggio 2014, durante la sua visita ufficiale in Azerbaigian, il presidente francese Francois Hollande, insieme a Ilham Aliyev si è familiarizzato con la costruzione del Liceo francese a Baku.[52]

Nel giugno 2015, su invito di Ilham Aliyev, Recep Tayyip Erdogan e Vladimir Putin hanno partecipato alla cerimonia di inaugurazione dei Primi Giochi Europei a Baku.[53]

A gennaio 2016, si è svolto in Svizzera, a Davos il Forum Economico Mondiale, dove ha preso parte anche Ilham Aliyev. Nel quadro del forum, il Presidente ha tenuto una serie di incontri e ha anche partecipato alla sessione sul tema "Nuovo bilancio energetico".[54]

Nel gennaio di 2018, Ilham Aliyev ha visitato Davos per partecipare al Forum Economico Mondiale, durante il quale ha incontrato il Segretario Generale dell'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (ORES) Mohammed Barkindo, il primo ministro georgiano Giorgi Kvirikashvili, Vice Presidente di Microsoft Michel Van der Belem e altri funzionari pubblici. Il Presidente ha partecipato alle discussioni su "Opportunità  strategiche: Eurasia", in cui il capo dello stato ha parlato delle riforme attuate, dei progetti e dei piani futuri.[55]

Il 29 gennaio 2018, Ilham Aliyev ha firmato un decreto che approva il programma di lavoro fra il Ministero della Pubblica Istruzione dell'Azerbaigian e il Ministero delle Risorse Umane dell'Ungheria per il 2018-2020.[56]

Il 21 maggio, con la delegazione, il presidente serbo Aleksandar Vucic ha fatto una visita ufficiale a Baku, nell’ambito di quale si è tenuto un incontro con Ilham Aliyev. I presidenti di due paesi hanno firmato documenti relativi ai rapporti azerbaigiani-serbi.

Il 17 luglio il presidente italiano Sergio Mattarella è arrivato a Baku con la visita ufficiale, durante il quale ha incontrato il presidente azerbaigiano Ilham Aliyev. Nel quadro della visita si è anche tenuta la cerimonia di premiazione.

Secondo l’ordine del Presidente dell'Azerbaigian per meriti speciali nello sviluppo dei rapporti amichevoli e della collaborazione fra l'Azerbaigian e l'Italia, Sergio Mattarella è stato insignito del più alto riconoscimento statale dell'Azerbaigian - l'Ordine di "Heydar Aliyev", L'Ordine di Shokhrat è stato premiato alla figlia del Presidente Laura Mattarella per i servizi del rafforzamento della cooperazione umanitaria fra i due paesi, e l'Ordine di Dostlug è stato rilasciato al Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale dell'Italia Enzo Moavero Milanesi. I presidenti hanno anche preso parte al forum imprenditoriale italiano, che si è tenuto a Baku.[57]

Il 20 luglio, nell’ambito della visita ufficiale a Parigi, Ilham Aliyev ha incontrato il presidente francese Emmanuel Macron al Palazzo dell'Eliseo e con Francois de Rouge, presidente dell'Assemblea nazionale francese.

Il 25 agosto 2018, durante la sua visita ufficiale nel Caucaso meridionale, si è tenuto a Baku un incontro tra il Presidente dell'Azerbaigian e il Cancelliere federale della Repubblica federale di Germania, Angela Merkel.[58]

Il 1 settembre 2018, Ilham Aliyev ha tenuto un incontro ufficiale con Vladimir Putin durante la sua visita nella Federazione Russa. Durante la visita sono stati firmati una dichiarazione congiunta sulla collaborazione economica e i documenti intergovernativi e commerciali.[59]

Il 19 ottobre, nella città turca di Izmir, si è svolta la cerimonia di apertura della raffineria di petrolio Star, alla quale hanno partecipato Ilham Aliyev e Recep Tayyip Erdogan. L'Azerbaigian ha investito 6,3 miliardi di dollari nella costruzione di questa raffineria.[60]

Relazioni con la NATO[modifica | modifica sorgente]

Il 12-14 gennaio 2004, a Baku si è tenuto una conferenza sulla pianificazione della NATO chiamato "Cooperative Best Effort". E il 14-19 luglio, si è tenuta a Baku la “Settimana della NATO”. Il 5 novembre 2004, il Segretario generale della NATO, Jaap De Hoop Scheffer, ha fatto una visita ufficiale in Azerbaigian e ha incontrato il presidente del paese, Ilham Aliyev.[61]

L'8 novembre 2006, Ilham Aliyev ha visitato la quartier generale della NATO per discutere I rapporti fra la NATO e l'Azerbaigian, così come le questioni di sicurezza regionale. Aliyev ha incontrato il Segretario generale della NATO Jaap de Hoop Scheffer, ha parlato al Consiglio Nord Atlantico e ha discusso con il Segretario generale come sviluppare ulteriormente la collaborazione nell’ambito del Piano d'azione per il partenariato individuale, che l'Azerbaigian ha firmato con la NATO da 2005.

Il 29 aprile 2009, Ilham Aliyev ha fatto una visita regolare alla quartier generale della NATO e prima della seduta del Consiglio Nord Atlantico, ha tenuto un incontro bilaterale con il Segretario generale della NATO. I principali argomenti di discussione sono stati la situazione nella regione, la sicurezza energetica e l'ulteriore sviluppo delle relazioni fra l'organizzazione internazionale e l'Azerbaigian.[62]

Il 5 febbraio 2012, il Presidente ha visitato nuovamente la quartier generale della NATO e ha incontrato il Segretario generale della NATO Anders Fogh Rasmussen. Durante le discussioni, il Segretario Generale ha ringraziato Ilham Aliyev per il suo supporto alle Forze di sicurezza nazionali afghane. Il 7 settembre dello stesso anno, Anders Fogh Rasmussen fece la sua prima visita in Azerbaigian, a Baku, nel quadro di quale visitò l'Accademia diplomatica dell'Azerbaigian. I negoziati si sono svolti con Ilham Aliyev. Il Segretario generale ha sottolineato la partecipazione dell'Azerbaigian in una missione guidata dalla NATO in Afghanistan e ha espresso apprezzamento dell'Alleanza per il sostegno aggiuntivo alle operazioni della NATO.[63]

Nel 2014, l'Azerbaigian ha celebrato il suo 20 ° anniversario nel programma "Partenariato per la Pace", e per questo motivo, a gennaio, Ilham Aliyev ha visitato Bruxelles e ha parlato in una conferenza stampa.

Il 23 novembre 2017, Ilham Aliyev ha visitato la quartier generale dell'Alleanza come parte della sua visita a Bruxelles e ha incontrato il Segretario generale della NATO Jens Stoltenberg.[64]

Relazioni con l'UE[modifica | modifica sorgente]

Il 13 gennaio 2011 Ilham Aliyev e il presidente della Commissione europea Jose Manuel Barroso hanno firmato una dichiarazione congiunta sulla fornitura del gas azerbaigiano dal campo di Shah Deniz 2 nell’Europa attraverso il Corridoio Meridionale del gas (la cerimonia inaugurale si è svolta nel 2014).[65]

Il 14 novembre 2016, il Consiglio dell'UE ha approvato il mandato della Commissione Europea e dell'Alto rappresentante dell'UE per negoziare con l'Azerbaigian. Il 6 febbraio Ilham Aliyev ha fatto una visita a Bruxelles e il 7 febbraio sono iniziati i negoziati.

Il 4 ottobre 2017 Ilham Aliyev ha ricevuto una delegazione guidata dal presidente del Comitato politico e di sicurezza del Consiglio dell'Unione europea. Il 4 dicembre dello stesso anno, ricevette a Baku una delegazione guidata dal rappresentante speciale dell'Unione Europea per il Caucaso meridionale Toivo Klaar.[66]

Il 25 novembre 2017, il presidente dell'Azerbaigian, su invito del presidente del Consiglio dell'UE di Donald Tusk, ha partecipato al vertice del partenariato orientale.

Relazioni con il Consiglio d'Europa[modifica | modifica sorgente]

Il 12-13 ottobre 2004, una delegazione guidata dal Ministro degli Affari Esteri della Norvegia, Presidente del Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa, Jan Peterson è arrivata a Baku con la visita ufficiale. La delegazione è stata ricevuta dal Presidente dell'Azerbaigian Ilham Aliyev. Sono stati discussi la collaborazione dell'Azerbaigian con la Norvegia e il Consiglio d'Europa.[67]

Nel quadro del processo di Baku, una conferenza dei ministri della cultura degli stati membri del Consiglio d'Europa si è tenuta a Baku il 2-3 dicembre 2008, il cui tema era "Dialogo interculturale - la base della pace e dello sviluppo sostenibile dell'Europa e delle regioni limitrofe".

Durante la visita di lavoro in Francia, a Strasburgo, il 24 giugno 2014 Ilham Aliyev ha incontrato il presidente dell'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa, Anne Brasseur; Le parti hanno discusso lo stato attuale e le prospettive di cooperazione fra l'Azerbaigian e l'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa. Nell’ambito della sua visita, Ilham Aliyev ha anche incontrato il segretario generale del Consiglio d'Europa Thornbjørn Jagland. Lo stesso giorno, il Presidente ha tenuto un discorso all'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa.

Il 5 maggio 2017, il Presidente dell'Azerbaigian Ilham Aliyev ha incontrato il Vice Segretario Generale del Consiglio d'Europa (CoE), Gabriela Battaini-Dragoni. Nel corso della riunione è stata discussa la collaborazione fra l’Azerbaigian e il Consiglio d'Europa.[68]

Relazioni con l'Africa[modifica | modifica sorgente]

Il 29 novembre 2016 Ilham Aliyev ha ricevuto una delegazione guidata dal Ministro delle Relazioni Internazionali e della Cooperazione della Repubblica del Sudafrica, Maite Nkoana-Mashabane. Le parti hanno discusso lo sviluppo della cooperazione fra due paesi.[69]

Il 10 aprile 2017, Ilham Aliyev ha incaricato il Ministero delle situazioni di emergenza dell'Azerbaigian di inviare a Gibuti aiuti umanitari, che consistevano in prodotti alimentari - zucchero, tè, olio, farina, prodotti a base di farina, acqua potabile. 80 tonnellate di prodotti e 20 tonnellate di acqua potabile sono state inviate dalla compagnia aerea dell'Azerbaigian.[70]

21 dicembre 2017, ha incontrato il mufti egiziano Shawki Ibrahim Allam. È stata discussa l'importanza della conferenza internazionale "2017 - Anno della Solidarietà Islamica: dialogo interreligioso e interculturale", che dovrebbe tenuto a Baku lo stesso giorno.

Il 1 febbraio 2018, Ilham Aliyev ha ricevuto Hamadone Touré, il direttore esecutivo della Smart Africa Initiative, di cui sono membri 22 paesi africani. Gli argomenti della discussione erano le attività dell'Iniziativa e la sua futura collaborazione con l'Azerbaigian.[71]

Relazioni con l'Asia[modifica | modifica sorgente]

L'11 settembre 2008, il presidente della Repubblica dell'Uzbekistan Islam Karimov ha visitato l'Azerbaigian con la visita ufficiale e ha incontrato Ilham Aliyev. Durante l'incontro sono stati firmati documenti ufficiali nel campo della protezione ambientale, cooperazione nei campi legati alle tecnologie dell'informazione e della comunicazione e al trasporto ferroviario. Il 12 settembre i presidenti hanno preso parte alla cerimonia d’ inaugurazione a Baku di un monumento al poeta uzbeko Ali-Shir Navai.

Il 28-29 giugno 2009, per la prima volta, il Presidente di Israele, tre ministri e una delegazione di 50 uomini d'affari hanno visitato l'Azerbaigian per la prima volta, nell’ambito di quale sono stati firmati due accordi con la partecipazione del Presidente dell'Azerbaigian: il primo comprendeva la cooperazione nelle comunicazioni, e l'altro nel campo della Istruzione, scienza e tecnologia.[72]

Il 1 dicembre 2014 Ilham Aliyev ha incontrato il presidente della Repubblica Islamica dell'Afghanistan, Mohammad Ashraf Ghani, che era a Baku con una visita di lavoro. All'incontro ha partecipato anche il capo esecutivo dell'Afghanistan, Abdullah Abdullah.

Il 6 settembre 2017, Ilham Aliyev ha ricevuto una delegazione guidata dal vice presidente dell'Assemblea Nazionale della Repubblica di Corea, Park Ju-sung. Nell’ambito dell’incontro, le parti hanno scambiato opinioni sulla situazione di tensione nella penisola coreana.[73]

Il 30 novembre dello stesso anno, Ilham Aliyev ha ricevuto una delegazione guidata dal ministro degli Esteri d'India, Mobashar Javed Akbar, in cui ha discusso la prossima conferenza ministeriale a Baku nell'ambito del "Cuore dell'Asia - Processo di Istanbul" e le prospettive per le relazioni bilaterali.

Il 1 dicembre 2017 si è svolta a Baku l'apertura della Conferenza internazionale "Cuore dell'Asia", dedicata alla collaborazione regionale ai fini della stabilizzazione a lungo termine della situazione in Afghanistan, mentre il presidente dell'Afghanistan Mohammad Ashraf Ghani e il presidente dell'Azerbaigian Ilham Aliyev hanno partecipato alla cerimonia dell'inaugurazione.

Secondo l’iniziativa del Presidente dell'Azerbaigian, il 6 febbraio, nel quadro della conferenza internazionale tenutasi a Pechino, è stato firmato un memorandum fra le Ferrovie dell'Azerbaigian CJSC e la Corporazione cinese per la costruzione di strade e ponti.[74]

Relazioni con gli stati islamici[modifica | modifica sorgente]

Durante la visita ufficiale l'8 luglio 2004, del Presidente della Repubblica islamica del Pakistan Pervez Musharraf in Azerbaigian, si è tenuto un incontro con Ilham Aliyev e sono state discusse le prospettive per lo sviluppo delle relazioni tra i due paesi e sono stati firmati accordi intergovernativi sulla lotta al traffico illecito di stupefacenti e sostanze psicotrope. Una dichiarazione congiunta è stata firmata tra la Repubblica di Azerbaigian e la Repubblica islamica del Pakistan.[75]

Il 18 settembre 2012 si è svolta la cerimonia di apertura delle nuove sale del Museo del Louvre di Parigi dedicate all'arte islamica, a cui hanno partecipato anche Ilham Aliyev e la prima signora dell'Azerbaigian Mehriban Aliyeva.[76]

Il 5 marzo 2017, nell’ambito dell'incontro trilaterale tra l'Azerbaigian, l'Iran e la Russia, Ilham Aliyev e Hasan Rouhani hanno firmato un memorandum d'intesa tra le aziende ferroviarie. Il 19 luglio dello stesso anno, Ilham Aliyev ha firmato un decreto che approva questo memorandum d'intesa tra le ferrovie dell'Azerbaigian e le ferrovie iraniane sullo sviluppo delle ferrovie.[77]

Il 21 maggio 2017, Ilham Aliyev ha partecipato al vertice arabo-islamico-americano di Riad, tenutosi nel capitale del Regno dell'Arabia Saudita. Insieme ad altri capi di paesi islamici, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha preso parte al vertice. Il vertice si è svolto sotto il motto "Insieme siamo forti".[78]

Il 1 novembre 2017, Ilham Aliyev è arrivato nella Repubblica islamica dell'Iran, a Teheran, con la sua visita di lavoro come parte del vertice dei capi di stato dell'Azerbaigian, della Russia e dell'Iran.

Relazioni con i paesi del Caucaso[modifica | modifica sorgente]

Il 7 febbraio 2007, Georgia, Azerbaigian e Turchia hanno firmato un accordo intergovernativo sulla realizzazione del corridoio ferroviario Baku-Tbilisi-Kars. Lo stesso giorno, nel quadro della sua visita in Georgia, Ilham Aliyev ha partecipato alla cerimonia di apertura di Corso Heydar Aliyev, nel centro della capitale georgiana, a Tbilisi.[79]

Il 25 marzo 2007 si è svolta l'apertura del gasdotto Baku-Tbilisi-Erzurum, a cui hanno preso parte i capi di Azerbaigian, Georgia e Turchia.

Il 1 luglio 2008 Ilham Aliyev ha preso parte al vertice dei Capi di Stato dell'Organizzazione Internazionale per la Democrazia e lo Sviluppo Economico (GUAM) svoltosi a Batumi. Dopo l'incontro si è tenuta una conferenza congiunta dei capi di stato.[80]

Il 20 maggio 2009 Ilham Aliyev ha ricevuto il Presidente della Georgia a Baku. Durante la sua visita, si è svolta la cerimonia della firma dei documenti riguardanti ai rapporti azero-georgiani con la partecipazione dei presidenti: un protocollo sulla modifica dell'accordo tra i governi della Repubblica dell'Azerbaigian e della Repubblica georgiana sul traffico aereo, protocollo sulle modifiche all'accordo firmato nel 1996 tra i governi della Repubblica di Azerbaigian e della Georgia sul libero scambio, l'accordo tra i governi della Repubblica dell'Azerbaigian e la Georgia sulla cooperazione nel settore della protezione della proprietà intellettuale.[81]

Il 21 agosto 2017, in relazione con un incendio nel parco nazionale Borjomi-Kharagaulsky, secondo l’ordine di Ilham Aliyev, il ministero delle situazioni di emergenza ha inviato un elicottero antincendio in Georgia.

Il 30 ottobre 2017 si è svolta la cerimonia ufficiale di inaugurazione della linea ferroviaria Baku-Tbilisi-Kars (BTK) alla quale hanno partecipato i presdenti Ilham Aliyev, Recep Tayyip Erdogan e il primo ministro georgiano Georgi Kvirikashvili.[82]

Il 22 dicembre 2017 Ilham Aliyev ha ricevuto il Ministro delle finanze della Georgia, Mamuk Bakhtadze. Questa è la prima visita del Ministro georgiano, dopo la sua nomina alla nuova posizione. È stata discussa la cooperazione in tutti i campi, così come il progetto Baku-Tbilisi-Kars.[83]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. Republic of Azerbaijan - ELECTION FOR PRESIDENT / OCT. 15, 2003, su electionguide.org.
  2. Inaugurazione del neoeletto Presidente dell'Azerbaigian Ilham Aliyev, su news.day.az.
  3. L'inaugurazione del Presidente della Repubblica dell'Azerbaigian Ilham Heydar oglu Aliyev, su lib.aliyev-heritage.org.
  4. L'attuale presidente dell'Azerbaigian ha ottenuto l'89,04% dei voti., su regnum.ru.
  5. Ilham Aliyev ha prestato giuramento e ha assunto la presidenza per un secondo mandato, su interfax.ru.
  6. 6,0 6,1 Ilham Aliyev ha assunto l'incarica della presidenza dell'Azerbaigian., su regnum.ru.
  7. 10 candidati per la presidenza dell'Azerbaigian, su kavkaz-uzel.eu.
  8. Republic of Azerbaijan - ELECTION FOR PRESIDENT / OCT. 9, 2013, su electionguide.org.
  9. L'inaugurazione di Ilham Aliyev, su ria.ru.
  10. EARLY PRESIDENTIAL ELECTIONS OF THE REPUBLIC OF AZERBAIJAN / 11 April 2018 (PDF), su msk.gov.az.
  11. Mərkəzi Seçki Komissiyası, su infocenter.gov.az.
  12. Inaugurazione: Ilham Aliyev ha assunto la presidenza dell'Azerbaigian, su mir24.tv.
  13. Decreto del Presidente dell'Azerbaigian / 24 Settembre 2004, su base.spinform.ru.
  14. L'ORDINE DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA AZERBAIGIANA / 26 Ottobre 2005, su base.spinform.ru.
  15. Decreto del Presidente della Repubblica dell'Azerbaigian sulla grazia di un certo numero di persone condannate., su archive.president.az.
  16. Gruppo di lavoro su strategie e revisione, cinquantaquattresima sessione, 13-14 dicembre 2016 (PDF), su unece.org.
  17. Informazioni sull'attuazione del "Programma statale sullo sviluppo socioeconomico delle regioni della Repubblica dell'Azerbaigian nel 2009-2013., su azerbaijan.az.
  18. УТВЕРЖДЕНА ГОСУДАРСТВЕННАЯ ПРОГРАММА «ЭЛЕКТРОННЫЙ АЗЕРБАЙДЖАН», su azertag.az.
  19. РАСПОРЯЖЕНИЕ ПРЕЗИДЕНТА АЗЕРБАЙДЖАНСКОЙ РЕСПУБЛИКИ от 15 ноября 2011 года, su base.spinform.ru.
  20. Ilham Aliyev ha partecipato alla conferenza / 28 Febbraio 2012, su ru.president.az.
  21. Decreto del Presidente della Repubblica dell'Azerbaigian sull'espansione dei tipi di servizi effettuati presso i centri di servizio ASAN, su azertag.az.
  22. IL CONCETTO DI SVILUPPO "AZERBAIGIAN - 2020: SGUARDO AL FUTURO" (PDF), su president.az.
  23. Il Comitato Organizzatore per i Giochi Europei del 2015 è stato creato a Baku., su azerisport.com.
  24. DIZIONARI ELETTRONICI PER LO SVILUPPO DELLA LINGUA AZERBAIGIANA (PDF), su culturepartnership.eu.
  25. 14 февраля Президент Ильхам Алиев подписал Распоряжение о создании Организационного комитета по проведению в городе Баку в 2015 году Кубка мира по шахматам и в 2016 году Всемирной шахматной олимпиады, su azertag.az.
  26. Ordine del Presidente della Repubblica dell'Azerbaigian sulla creazione di un sistema elettronico di informazione giudiziaria., su supremecourt.gov.az.
  27. Ordine del Presidente della Repubblica dell'Azerbaigian sull'approvazione del "Concetto di Cultura della Repubblica dell'Azerbaigian", su ru.president.az.
  28. Ilham Aliyev ha partecipato all'inaugurazione del Velopark, su azerisport.com.
  29. Cerimonia ufficiale di apertura dei IV giochi di solidarietà islamica, su azertag.az.
  30. Decreto del Presidente della Repubblica dell'Azerbaigian sulle misure per la creazione di centri di servizio "ASAN Kommunal", su ru.president.az.
  31. Ordine del Presidente della Repubblica dell'Azerbaigian su ulteriori misure per lo sviluppo del turismo nella Repubblica dell'Azerbaigian., su ru.president.az.
  32. Il Presidente Ilham Aliyev ha partecipato all'accoglienza ufficiale in occasione del 25 ° anniversario del ripristino dell'indipendenza dell'Azerbaigian., su trend.az.
  33. Распоряжение Президента Азербайджанской Республики oб объявлении 2018 года в Азербайджанской Республике «Годом Азербайджанской Демократической Республики», su ru.president.az.
  34. Il decreto del Presidente della Repubblica dell'Azerbaigian sul 100 ° anniversario del genocidio degli Azerbaigiani nel 1918., su ru.president.az.
  35. Ilham Aliyev attended conference dedicated to results of fourth year implementation of the State Program on socio-economic development of regions in 2014-2018, su en.president.az.
  36. Ordine del Presidente della Repubblica dell'Azerbaigian sull'approvazione del "Programma statale per lo sviluppo del tè che cresce nella Repubblica dell'Azerbaigian per il 2018-2027"., su ru.president.az.
  37. Il Presidente Ilham Aliyev ha partecipato all'inaugurazione dell'edificio amministrativo del Centro di sviluppo e-Government., su uaport.net.
  38. Baku-Tbilisi-Ceyhan, su m.sputnik-georgia.ru.
  39. "Контракт века": норвежские миражи Азербайджана, su bbc.com.
  40. Baku ha firmato un nuovo "Contratto del secolo", su az.sputniknews.ru.
  41. Si è svolta la cerimonia di apertura del gasdotto TANAP a Eskisehir, su dailysabah.com.
  42. ВСТРЕЧА ПРЕЗИДЕНТА АЗЕРБАЙДЖАНА ИЛЬХАМА АЛИЕВА И ПРЕЗИДЕНТА США ДЖОРДЖА БУША, su azertag.az.
  43. Снижая глобальную напряженность, su rg.ru.
  44. President of Azerbaijan Ilham Aliyev met President Donald Trump, su az.usembassy.gov.
  45. A Baku è iniziata una conferenza dei rappresentanti del Movimento dei non allineati., su regnum.ru.
  46. Conferenza nazionale "Riforma della protezione dei bambini in Azerbaigian", su heydar-aliyev-foundation.org.
  47. В Париже состоялся Форум лидеров 38-й сессии Генеральной конференции ЮНЕСКО В Форуме приняли участие Президент Азербайджана Ильхам Алиев и посол доброй воли ЮНЕСКО Мехрибан Алиева, su azertag.az.
  48. Ilham Aliyev è arrivato a New York per partecipare all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite., su mir24.tv.
  49. Выступление Президента Азербайджанской Республики И. Алиева, su cis.minsk.by.
  50. Relazioni italo-azere, su lib.aliyevheritage.org.
  51. При участии президентов Азербайджана и России в Сочи подписано дополнительное соглашение номер 5 к контракту по купле-продаже природного газа, su ru.president.az.
  52. Президент Азербайджана Ильхам Алиев и Президент Франции Франсуа Олланд ознакомились со строительством Бакинского французского лицея, su heydar-aliyev-foundation.org.
  53. Putin ed Erdogan hanno preso parte all'apertura dei Giochi europei a Baku, su vedomosti.ru.
  54. Ilham Aliyev in Svizzera, su ru.oxu.az.
  55. Presidente Ilham Aliyev a Davos, su az.sputniknews.ru.
  56. Распоряжение Президента Азербайджанской Республики об утверждении Рабочей программы между Министерством образования Азербайджанской Республики и Министерством человеческих ресурсов Венгрии на 2018-2020 годы, su ru.president.az.
  57. Ilham Aliyev e il Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella, hanno partecipato al business forum, su ru.president.az.
  58. Ha avuto luogo l'incontro fra il Presidente dell'Azerbaigian e il Cancelliere Federale di Germania in un formato ampliato., su plainnews.ru.
  59. Putin e Aliyev hanno firmato documenti sull'espansione della cooperazione tra la Federazione russa e l'Azerbaigian., su kp.ru.
  60. Ильхам Алиев и Реджеп Тайип Эрдоган открывают НПЗ Star в Измире, su vestikavkaza.ru.
  61. NATO Secretary General to visit Azerbaijan, su nato.int.
  62. Visita alla NATO del Presidente dell'Azerbaigian, su nato.int.
  63. Il Segretario generale della NATO raccomanda una forte cooperazione di sicurezza con l'Azerbaigian., su nato.int.
  64. Генеральный секретарь приветствует президента Азербайджана в штаб-квартире НАТО, su nato.int.
  65. Cooperazione della Repubblica di Azerbaigian e dell'Unione europea nel quadro del programma di partenariato orientale, su articlekz.com.
  66. L'emissario dell'UE è arrivato a Baku, su amorinfo.com.
  67. Relazioni azere-norvegesi, su lib.aliyevheritage.org.
  68. Il Consiglio d'Europa mira a rafforzare la collaborazione con l'Azerbaigian, su az.sputniknews.ru.
  69. Ilham Aliyev ha ricevuto una delegazione guidata dal Ministro delle Relazioni Internazionali e della Cooperazione della Repubblica del Sudafrica., su ru.president.az.
  70. Azerbaigian ha inviato prodotti e acqua Gibuti, su mir24.tv.
  71. Il presidente azero Ilham Aliyev ha partecipato al XIII Summit dell'Organizzazione della cooperazione islamica a Istanbul., su azertag.az.
  72. Relazioni fra l'Azerbaigian e l'Israele, su lib.aliyevheritage.org.
  73. Ilham Aliyev ha ricevuto una delegazione dell'Assemblea nazionale della Repubblica di Corea., su vzglyad.az.
  74. Подписан меморандум между ЗАО "Азербайджанские железные дороги" и китайской корпорацией, su trend.az.
  75. Relazioni fra l'Azerbaigian e il Pakistan (PDF), su mfa.gov.az.
  76. В Лувре сегодня открыли отдел, посвященный искусству ислама, su telegraf.com.ua.
  77. Rouhani e Aliyev hanno discusso di un partenariato nel quadro del formato Iran-Azerbaigian-Russia, su tass.ru.
  78. Il Presidente dell'Azerbaigian partecipa al vertice arabo-islamico-americano a Riad., su interfax.az.
  79. Президент Ильхам Алиев принял участие в церемонии запуска проекта "Южный газовый коридор", su news.day.az.
  80. Vertice GUAM a Batumi - 2008, su guam-organization.org.
  81. L'Azerbaigian e la Georgia creano praticamente una confederazione informale - Saakashvili, su az.sputniknews.ru.
  82. Баку-Тбилиси-Карс: путь к успеху открыт, su turkishnews.com.
  83. Il presidente Aliyev ha discusso con il ministro georgiano il tema di Baku-Tbilisi-Kars., su m.az.sputniknews.ru.

Errore Lua in Modulo:Wikidata alla linea 443: attempt to index field 'wikibase' (a nil value).

Tema(i) : Azerbaigian politica

Altri articoli dei temi Azerbaigian E politica : Partito Comunista dell'Azerbaigian (1993)

Altri articoli del tema Azerbaigian : Diritto azero, Sicurezza sociale in Azerbaigian, Partito Comunista dell'Azerbaigian (1993), Istituto di Teologia dell'Azerbaigian, Partito Comunista dell'Azerbaigian (1920)

Altri articoli del tema politica : Neofascismo, Politici italiani, Gino Scalise, Nicola Palomba, Crisi politica italiana del 2008, Partito Pirata (Australia), Partito Pirata (Paesi Bassi) "Article ?" contains a listed "?" character as part of the property label and has therefore been classified as invalid.



Questo articolo wiki "Presidenza di Ilham Aliyev" è da Wikipedia The list of its authors can be seen in its historical and/or the page Edithistory:Presidenza di Ilham Aliyev.



Compte Twitter EverybodyWiki Follow us on https://twitter.com/EverybodyWiki !