Welcome to EverybodyWiki ! Nuvola apps kgpg.png Sign in or create an account to improve, watchlist or create an article like a company page or a bio (yours ?)...

Paride Negri

Da EverybodyWiki Bios & Wiki.
Jump to navigation Jump to search


Errore Lua in Modulo:Wikidata alla linea 443: attempt to index field 'wikibase' (a nil value).

Biografia[modifica]

Arruolatosi nel Regio Esercito nel 1900 entrò come allievo nella Regia Accademia di Artiglieria e Genio di Torino, da cui uscì il 7 settembre 1903 con il grado di sottotenente, assegnato all'Arma di artiglieria.

Partecipò alla Guerra italo-turca, come capitano, venendo decorato al valor militare e successivamente alla Prima guerra mondiale, al cui termine raggiunse il grado di maggiore e guadagnò una Medaglia d'argento al valor militare.

Dopo un servizio come ufficiale presso lo Stato maggiore, fu promosso colonnello il 28 novembre 1929, assumendo prima il comando della Scuola Allievi Ufficiali di Complemento di Lucca e poi il comando del 27° reggimento di artiglieria tra il 1935 e il 1936.

Il 1° giugno 1936 fu promosso generale di brigata.

Nel 1937 fu comandante prima dell'Artiglieria del Corpo d'Armata di Udine, poi tornò a Roma, dove fu promossso Capo reparto del Comando del Corpo di Stato Maggiore ed ancora capo di Stato Maggiore nel comando designato d'Armata di Napoli nel periodo fra il 1938 e il 1939.

Dal 1939 al 1941, promosso alla guida di una divisione, fu comandate della 41^ divisione di Fanteria Firenze,[1] con sede a Firenze, dove lo colse l'inizio della Seconda guerra mondiale. La stessa divisione poi verrà condotta nel marzo del 1941 sul fronte greco dal generale Negri, rimanendo in Montenegro quale unità da occupazione. Negri invece viene nominato al comando della Divisione di fanteria Murge, destinata all'occupazione dell'Erzegovina dove presidia Mostar e altre città e impegnata contro la guerriglia partigiana.[2] A Mostar dichiara al comando tedesco che l'esercito italiano non avrebbe fatto nulla contro gli ebrei,[3] ("La deportazione degli ebrei è contraria all'onore dell'esercito italiano")[4] darà anche testimonianza delle atrocità commesse dai partigiani nei confronti dei soldati italiani.[5]

Fu vittima di un agguato il 13 maggio successivo, mentre nel bosco di Bisina, a 6 Km da Nevesinje, transitava con una grossa autocolonna della sua Divisione; la strada fu bloccata da 40 alberi e 8 pali telegrafici e con 2 grosse pietre. Furono uccisi il colonnello del 154° reggimento di artiglieria e 4 ufficiali che erano in cima alla colonna su due auto con i due autieri, che furono incendiate. Il generale Paride Negri fu lievemente ferito in questo fatto d'arme.[6]

Il 2 settembre 1943, viene assegnato al Ministero della Guerra a Roma per incarichi speciali, a causa dei limiti d'età.

Note[modifica]

  1. 41 Divisione di Fanteria Firenze, su regioesercito.it. URL consultato il 24 febbraio 2019.
  2. 154 Divisione di Fanteria Murge, su regioesercito.it. URL consultato il 24 febbraio 2019.
  3. Menachem Shelah, op. cit.. p.67
  4. I Giusti italiani: Giovanni Palatucci, su storiaxxisecolo.it. URL consultato il 24 febbraio 2019.
  5. Federica Saini Fasanotti, op.cit., p. 58
  6. Steiermärkisches Landesarchiv, Nachlass josef Matl, K.2, documento datato 28.5.1942

Onorificenze[modifica]

Cavaliere dei SS. Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dei SS. Maurizio e Lazzaro
Commendatore della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore della Corona d'Italia
Medaglia di bronzo al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di bronzo al valor militare
Croce di guerra al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Croce di guerra al valor militare
Croce al merito di guerra 2° conferimento - nastrino per uniforme ordinaria Croce al merito di guerra 2° conferimento
Medaglia commemorativa della guerra italo-turca - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa della guerra italo-turca
Medaglia commemorativa della guerra italo-austriaca - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa della guerra italo-austriaca
Medaglia commemorativa dell'Unità d'Italia 1918 - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa dell'Unità d'Italia 1918
Croce d'oro per anzianità di servizio militare (25 anni) - nastrino per uniforme ordinaria Croce d'oro per anzianità di servizio militare (25 anni)

Bibliografia[modifica]

  • Menachem Shelah, Un debito di gratitudine. Storia dei rapporti tra l'esercito italiano e gli ebrei in Dalmazia (1941-1943), Roma, USSME, 1991
  • Menachem Shelah, Italian Rescue of Yugoslaw Jews in Italian Refuge, edito da Ivo Herzer
  • Federica Saini Fasanotti, La gioia violata. Crimini contro gli italiani 1940-1946, prefazione di Sandro Fontana (1936-2013), Milano, Ares, 2006


Tema(i) : biografie guerra storia d'Italia

Altri articoli dei temi biografie E guerra : Mario Mezzadra, Lorenzo Orsetti, Emilio Becuzzi, Annibale (figlio di Bomilcare), Ercole Negro di Sanfront, Giunio Ruggiero, Nicolò Mirenna

Altri articoli dei temi guerra E storia d'Italia : Strage di Fagnano Castello, Forze armate italiane, Emilio Becuzzi

Altri articoli dei temi biografie E storia d'Italia : Clemente Andreatta, Emilio Becuzzi, Andrea Vento

Altri articoli del tema biografie : Pasquale Martino, Jacopo Mariani (ottico), Guido De Virgilio, Shpend Matoshi, Paolo Racchetti, Ernesto Lama, Massimo Bacigalupo

Altri articoli del tema guerra : Semoventi, Heinrich Kreipe, Paolo Melodia, Reggimenti dell'Esercito italiano, Armi, Boberg XR9, Accademie e scuole di formazione militari in Italia

Altri articoli del tema storia d'Italia : Elezioni regionali italiane del 2020, Battaglie delle Guerre d'Italia, Attività del Senato della Repubblica nella XVIII legislatura, Apologia del fascismo, Crisi politica italiana del 2008, Consiglio degli Anziani (Italia), Attività della Camera dei Deputati nella XVIII legislatura "Article ?" contains a listed "?" character as part of the property label and has therefore been classified as invalid.



Questo articolo wiki "Paride Negri" è da Wikipedia The list of its authors can be seen in its historical and/or the page Edithistory:Paride Negri.



Compte Twitter EverybodyWiki Follow us on https://twitter.com/EverybodyWiki !