Welcome to EverybodyWiki ! Nuvola apps kgpg.png Sign in or create an account to improve, watchlist or create an article like a company page or a bio (yours ?)...

Olinto Marella

Da EverybodyWiki Bios & Wiki.
Jump to navigation Jump to search


Errore Lua in Modulo:Wikidata alla linea 443: attempt to index field 'wikibase' (a nil value). Marella esercitava il suo servizio pastorale nell'arcidiocesi di Bologna. Era un compagno di classe di papa Giovanni XXIII a Roma e il papa lo ha tenuto in grande considerazione sostenendo le sue iniziative pastorali.

È stato proclamato venerabile il 27 marzo 2013 dopo che papa Francesco ha riconosciuto che aveva vissuto una vita di virtù eroiche.[1]

Biografia[modifica]

Olinto Giuseppe Marella nacque il 14 giugno 1882 a Venezia nell'isola di Pellestrina (che gli ha dedicato un campo sportivo), secondogenito dei quattro figli di Luigi Marella (1851-1903), medico condotto e pioniere dell'elioterapia, e Carolina de' Bei (1852-1940), di famiglia triestina e maestra.[2] Fu lo zio - l'arcivescovo Giuseppe Marella, arciprete della parrocchia Ognissanti a Pellestrina, protonotario apostolico e cameriere segreto del papa - a prendersi cura della sua educazione.

Marella ha studiato in seminario a Roma ed è stato compagno di classe di Angelo Giuseppe Roncalli, il futuro papa Giovanni XXIII. Il cardinale Aristide Cavallari lo ordinò al sacerdozio il 17 dicembre 1904 e gli fu maestro nei seminari a Chioggia. Ha insegnato studi umanistici e vari studi filosofici e teologici. Il 24 ottobre 1909 i suoi incarichi pastorali furono sospesi a divinis dal vescovo di Chioggia per avere ospitato Romolo Murri, amico dai tempi del seminario e padre del cristianesimo sociale, scomunicato in seguito alla lotta contro il modernismo condotta da Pio X.

Non protestò contro la decisione, sempre quell'anno inaugurò con il fratello Tullio, terziario francescano, il "Ricreatorio popolare" di Pallestrina, su progetto sempre del fratello Tullio (scomparirà nel 1913) fece anche costruire la scuola per l'infanzia "Vittorino da Feltre". Il 13 luglio 1916 è chiamato sotto le armi nella IV Compagnia Sanità del Distretto militare di Torino con il grado di sergente, pochi mesi più tardi si laureò in filosofia a Padova[3] iniziando, dopo il congedo nel maggio 1918, a insegnare in giro per l'Italia, da Treviso a Messina, da Padova a Palermo e Rieti. Curò anche la traduzione del libro di Giovan Battista Vico (prefazione di Carmelo Licitra) "De nostri temporis studiorum ratione".

Nel 1924 è a Bologna dove insegnò presso i licei Galvani e Minghetti, occupando quella cattedra sino al 1948. Nel 1925 il cardinale Giovanni Battista Nasalli Rocca di Corneliano tolse la sospensione a divinis, lo riabilitò e lo accolse nella diocesi di Bologna. Nel 1939 aprì la sua casa in via San Mamolo ad alcuni fuggiaschi ebrei,[4] salvò dalle SS suor Caterina Elkan, ebrea prima di diventare cattolica,[5][6] salvò dalla deportazione in Germania una trentina di soldati. Trasformò anche un vecchio capannone in chiesa, chiamata "cattedrale dei poveri", dove ogni domenica celebrava messa e, se possibile, offriva anche un pasto caldo.

Nel dopoguerra animò gruppi di assistenti per i baraccati del quartiere Lame e per una serie di agglomerati molto popolari (conosciuti come "le Popolarissime"), fondò le "Piccole operaie" per occuparsi del doposcuola e dell'avviamento al lavoro,[7] nel 1948 fondò a Bologna in via Piana 106 la "Città dei Ragazzi" (poi trasferita a San Lazzaro di Savena e diffusa in quindici case in provincia) per dare un rifugio ai giovani sbandati e senza tetto. E per sostenere economicamente l'iniziativa si trasformò in mendicante. Marella usava sedersi su uno sgabello sul lato della strada nel centro storico di Bologna, all'angolo tra via Caprarica e via Drapperie (dove poi sarà realizzato un bassorilievo che lo raffigura con il cappello in mano e la lunga barba bianca)[7] ma anche all'angolo di via Orefici e via Clevature in attesa dell'uscita delle persone dagli spettacoli dei cinema e del teatro comunale. Lo faceva col bel tempo, con la pioggia, anche sotto la neve: capo chino e berretto in mano. Qualche sacerdote si oppose a quel gesto che lo faceva sembrare un barbone ma Marella continuò nell'iniziativa avendo il sostegno di papa Giovanni XXIII che lo considerava un "caro amico" e una volta offrì a suo nome un milione di lire. E proprio a Giovanni XXIII un laico e ateo come Indro Montanelli, che aveva avuto Olinto Marella come insegnante di filosofia al liceo di Rieti,[8] si rivolse un giorno "sfrontatamente" dicendo: "Come aveva potuto la Chiesa non capire ciò che avevo capito io, laico e miscredente, che quello era un santo".[9]

Marella conosceva anche Gianna Beretta Molla - futura santa - e Maria Bolognesi - futura beata.

Olinto Marella morì il 6 settembre 1969.[7]

L'introduzione del processo di beatificazione avvenne il 20 ottobre 1995 con la dichiarazione di "nihil obstat". Il processo diocesano si aprì a Bologna e si svolse dall'8 settembre 1996 al 17 dicembre 2005; il processo fu poi ratificato nel 2007. La Positio - due volumi sulla sua vita e le sue virtù eroiche -è stata presentata alla Congregazione per le cause dei santi nel 2008.

Papa Francesco ha approvato il decreto di eroicità delle virtù, proclamandolo venerabile il 27 marzo 2013.[10]

Premi e riconoscimenti[modifica]

  • 1947 - "Premio della Bontà" dal Comune di Bologna
  • 1958 - "Premio ai Buoni" dal comitato regionale dell'Emilia-Romagna
  • 1963 - "Premio Notte di Natale" istituito a Milano da Angelo Motta
  • 1964 - medaglia d'oro "Amico dei Poveri" dall'amministrazione della Provincia di Bologna
  • 1967 - cittadinanza onoraria dal Comune di S.Agata Feltria[10]

Note[modifica]

  1. Venerabile Olinto Marella, su saints.sqpn.com.
  2. Lorenzo Bedeschi, op.cit., p. 9 e seguenti
  3. Gabriele Digani, op. cit. pp. 7-8
  4. Gabriele Digani, op.cit., pp. 8-9
  5. "Mi salvò dai nazisti", su operapadremarella.it.
  6. "Padre Marella mi salvò dai nazisti", su ilrestodelcarlino.it, 4 febbraio 2009. URL consultato il 17 marzo 2019.
  7. 7,0 7,1 7,2 Morte di padre Marella, su bibliotecasalaborsa.it. URL consultato il 17 marzo 2019.
  8. Indro Montanelli, Ricordo di don Marella in Corriere della Sera, 21 settembre 1966
  9. Montanelli sponsor di prete accattone: "Merita la gloria degli altari", su www1.adnkronos.com, 1º luglio 1988. URL consultato il 17 marzo 2019.
  10. 10,0 10,1 Anche Padre Marella tra i nuovi venerabili, su romagnanoi.it, 27 marzo 2013. URL consultato il 17 marzo 2019.

Bibliografia[modifica]

  • Lorenzo Bedeschi. Un prete accattone a Bologna, prefazione di Indro Montanelli, Cinisello Balsamo, San Paolo Edizioni, 1998 ISBN 978-8821537455
  • Gabriele Digani, L'Opera Padre Marella a trent'anni dalla morte del fondatore, Bologna, Fraternità cristiana Opera Padre Marella onlus, 1999
  • Franco Frabboni, Andreina Bergonzoni, Mauro Cervellati (a cura di), Un pedagogista di strada, Bologna, I.R.R.E. Emilia Romagna, 2001
  • M.Ranuzzi de' Bianchi, Padre Marella. Un cappello pieno di sogni, fotografie di Walter Breviglieri, Argelato (BO), Minerva Edizioni, 2003
  • Elia Facchini, Don Olinto Marella. Il vangelo della carità, Argelato (BO), Minerva Edizioni, 2008 ISBN 978-88-7381-214-2
  • Elia Facchini, Ruggero Randialdi, Padre Marella. Un combattente per tempi diversi, Bologna, Bononia University Press, 2010 ISBN 978-8873955733
  • Giusy Ferro, Carlo Vietti, Gli educatori cattolici nel Novecento a Bologna, Bologna, Leviedellastoria, 2011
  • Carmel Gaini Rebora, Padre Marella. L'orgoglio vinto dalla carità, Bologna, Edizioni Dahoniane, 2011 ISBN 978-8810513071
  • T.Campostrini, O.Zocca, V.Marabini, R.Verardi, Olinto Marella. Ricordi, Argelato (BO), Minerva Edizioni, 2014 ISBN 978-8873815556

Collegamenti esterni[modifica]

Errore Lua in Modulo:Wikidata alla linea 443: attempt to index field 'wikibase' (a nil value).


Tema(i) : biografie cattolicesimo

Altri articoli dei temi biografie E cattolicesimo : Ekaterina Abrikosova, Luciano Suriani, Domenico Bernareggi, Gianfranco Gallone, Vittorio Pastori, Luigi Bellotti, Domenico Amato

Altri articoli del tema biografie : Fara Libassi, Nell Sigland, David Bagration-Mukhrani, Angelo Corsi (calciatore), Dani Faiv, Antonio Guido Filipazzi, Sergio Castelluccio

Altri articoli del tema cattolicesimo : Claudio Gugerotti, Chiesa cattolica in Asia, Maria Chiara Magro, Nunzi apostolici per la Costa d'Avorio, Chiesa di San Romano martire (Roma), Chiesa cattolica in Ecuador, Gianfranco Gallone "Article ?" contains a listed "?" character as part of the property label and has therefore been classified as invalid.



Questo articolo wiki "Olinto Marella" è da Wikipedia The list of its authors can be seen in its historical and/or the page Edithistory:Olinto Marella.



Compte Twitter EverybodyWiki Follow us on https://twitter.com/EverybodyWiki !