Welcome to EverybodyWiki ! Nuvola apps kgpg.png Sign in or create an account to improve, watchlist or create an article like a company page or a bio (yours ?)...

Lorenzo Orsetti

Da EverybodyWiki Bios & Wiki.
Jump to navigation Jump to search


Lorenzo Orsetti
13 febbraio 1986 – 18 marzo 2019 (33 anni)[1]
SoprannomeOrso Dellatullo
Tekoşer Piling (nome di battaglia)
Nato aBagno a Ripoli[2]
Morto aBaghouz
Dati militari
Forza armataPeople's Protection Units Flag.svg Unità di Protezione Popolare (YPG)
UnitàInternational Freedom Battalion original banner.svg Brigata Internazionale di Liberazione
Anni di servizio2017-2019
GuerreGuerra civile siriana
voci di militari presenti su Wikipedia

Errore Lua in Modulo:Wikidata alla linea 443: attempt to index field 'wikibase' (a nil value). È conosciuto anche come Orso e con il nome in codice[3] Tekoşer Piling[4].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato in un sobborgo del capoluogo toscano, Lorenzo è stato uno chef e sommelier ed ha lavorato in diversi ristoranti a Firenze.[5][6] In seguito allo scoppio della guerra civile siriana, si interessò al conflitto in Rojava diventando un sostenitore della causa curda contro lo Stato Islamico della Siria e dell'Iraq (ISIS). In Italia conobbe l'attivista anarchico Paolo Andolina, il quale aveva combattuto nelle forze internazionali YPG contro lo Stato Islamico[7]

Nel settembre del 2017 viaggiò verso la Siria dove si unì all'Unità di Protezione Popolare (YPG). Quì incontrò numerosi volontari internazionali, tra cui alcuni membri del gruppo antifascista "Antifa Tabur"[8], che si erano uniti alla lotta armata contro il califfato.[9] Conobbe militanti provenienti da tutto il mondo, tra cui alcuni italiani e numerosi di provenienza turca.

Terminato l'addestramento militare, Orsetti si unì ad una formazione militare organizzata dal Partito Comunista della Turchia[10], unendosi ai combattimenti contro le forze turche e filoturche durante l'Operazione Ramoscello d'Ulivo.[11][12]

Morte[modifica | modifica sorgente]

Lorenzo fu ucciso in combattimento nel villaggio siriano di Baghouz, nei pressi del confine con l'Iraq, la mattina del 18 marzo 2019. Si trovava in tale località per combattere contro lo Stato Islamico nell'offensiva curda contro l'ultimo bastione dell'organizzazione presente nella Siria ad est dell'Eufrate. Si era unito ad un'unità araba delle Forze Democratiche Siriane, la quale fu colpita da un'imboscata nemica e fu completamente annientata. La sua morte fu dapprima annunciata sui canali Telegram dell'ISIS, poi fu confermata dalle forze YPG.[13][14]

La sua salma rientrò a Firenze nel giugno del 2019 e fu seppellita nel cimitero delle Porte Sante.

Riconoscimenti e onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Numerosi spazi pubblici sono stati rinominati in suo onore. Tra di essi si annoverano il "Parco Nomentano Lorenzo Orsetti Partigiano" di Roma[15], la biblioteca della stazione dei treni di Berceto, un parco nel quartiere Cirenaica di Bologna e la "Casa del Popolo Lorenzo Orsetti" di Prato.[16][17][18] Nel settembre del 2019, inoltre, il comune di Firenze ha approvato la delibera per richiedere[19] l'intitolazione di una strada a "Lorenzo Orsetti Partigiano".[20]

Nel luglio 2019 Lorenzo Orsetti ha anche ricevuto il Gonfalone d'Argento, ovvero la più alta onorificenza conferibile dalla regione Toscana.[21]

Il fumettista italiano Zerocalcare gli ha dedicato una graphic novel di 32 pagine, intitolata Macelli, pubblicata il 19 luglio 2019 sul numero 1316 della rivista Internazionale.[22]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. Siria. La lettera-testamento di Lorenzo, ucciso dal Daesh: «Non ho rimpianti», Avvenire, 18 marzo 2019.
  2. Siria, l'annuncio dell'Isis: "Abbiamo ucciso un crociato italiano". È Lorenzo Orsetti, su repubblica.it, 18 marzo 2019. URL consultato il 21 novembre 2019.
  3. (TR) Öldürülen teröristin kimliği şaşkına çevirdi!, Haber7.com, 20 marzo 2019. URL consultato il 26 novembre 2019.
  4. Lorenzo Orsetti, ora tutti lo celebrano ma anche lui era uno dei cattivi, su ilfattoquotidiano.it, 20 marzo 2019.
  5. Chi era Lorenzo Orsetti, l'italiano ucciso dall'Isis in Siria, la Repubblica, 18 marzo 2019. URL consultato il 20 marzo 2019.
  6. Letter from slain International Volunteer Lorenzo Orsetti, Global Rights, 19 marzo 2019.
  7. Lorenzo Orsetti, Paolo (ex combattente Ypg): "Era sempre sorridente", dire.it, 19 marzo 2019. URL consultato il 20 marzo 2019.
  8. «Lorenzo Orsetti voleva vedere la fine della guerra. E metteva il sorriso in ogni tragedia», su espresso.repubblica.it, 18 marzo 2019.
    «"Era un antifascista e anche se è arrivato dopo che abbiamo fondato il gruppo Antifa Tabur, ne avrebbe voluto far parte"».
  9. Lorenzo Orsetti, l'amica combattente: «La guerra fa schifo ma non si può stare a guardare», Il Messaggero, 19 marzo 2019. URL consultato il 20 marzo 2019.
  10. YPG: Internationalist fighter from Italy martyred in Baghouz, ANF News, 19 marzo 2019. URL consultato il 20 marzo 2019.
  11. Lorenzo Orsetti: a modern-day partisan, su Morning Star, 19 marzo 2019.
  12. Afrin: One Year of Resistance, su AMW English, 21 gennaio 2019.
  13. Our internationalist comrade was martyred in Baghouz, su YPG, 19 marzo 2019. URL consultato il 12 settembre 2019.
  14. Twitter, su @TA_Anarsist, 18 marzo 2019. URL consultato il 20 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 20 marzo 2019).
    «Today our comrade Heval Tekoşer Piling fell şehid in battle in Baghouz. He was a great friend to all of us and an incredibly brave soldier. Many of us had the pleasure of fighting by his side. From Afrin to Deir Ezzor, he was always the last to leave. Şehid namirin».
  15. Un parco intitolato a Lorenzo Orsetti, partigiano, su Rete Kurdistan. URL consultato il 12 settembre 2019.
  16. A Bologna un parco intitolato a Lorenzo Orsetti detto “Orso”, su gazzettadibologna.it, 11 novembre 2019.
  17. INAUGURAZIONE CIRCOLO ARCI LORENZO ORSETTI, su arciprato.it.
  18. Library in Italy named after YPG Italian fighter Lorenzo Orsetti, su ANF News. URL consultato il 19 aprile 2019.
  19. La legge n. 1188/1927, che regola la materia, agli art.2 e 3 impedisce all'autorità comunali la intitolazione di luoghi pubblici a soggetti deceduti da meno di 10 anni; per quest'ultimi, distinti per meriti eccezionali, l'art. 4 di detta legge prevede una deroga, ma rilasciata dal Ministero dell'Interno. La procedura, dettagliata dalla circolare n. 18 del 29 settembre 1992, prevede che la delibera della Giunta comunale sia uno degli atti prodromici alla richiesta di autorizzazione
  20. Lorenzo Orsetti, da Palazzo Vecchio primo sì per intitolare una strada al giovane morto in Siria, su La Repubblica, La Repubblica. URL consultato il 6 dicembre 2019 (archiviato il 6 dicembre 2019).
  21. A Lorenzo Orsetti il Gonfalone d'Argento della Toscana: "Ricordiamolo lottando per la giustizia sociale", su globalist.it, 8 luglio 2019.
  22. 19/25 luglio 2019 • Numero 1316 - Macelli, Internazionale. URL consultato il 26 novembre 2019.

Errore Lua in Modulo:Wikidata alla linea 443: attempt to index field 'wikibase' (a nil value).

Tema(i) : anarchia biografie guerra



Altri articoli dei temi biografie E guerra : Emilio Becuzzi, Nicolò Mirenna, Annibale (figlio di Bomilcare), Paride Negri, Mario Badino Rossi, Gualtiero Gabutti, Gioacchino Polizzi

Altri articoli del tema biografie : Andrea Jelardi, Nicolas Hemmerle, Anastasia Conte, Luca Accomazzi, Salvatore Burrai, Giordano Bortolani, Niccolò Vultaggio

Altri articoli del tema guerra : Reichswehreid, Guerre e militari nei media, 15 cm KwK 44 L/38, Storia della Russia, Veicoli militari statunitensi della seconda guerra mondiale, Scienze militari, Semoventi d'artiglieria antiaerea "Article ?" contains a listed "?" character as part of the property label and has therefore been classified as invalid.



Questo articolo wiki "Lorenzo Orsetti" è da Wikipedia The list of its authors can be seen in its historical and/or the page Edithistory:Lorenzo Orsetti.



Compte Twitter EverybodyWiki Follow us on https://twitter.com/EverybodyWiki !