Welcome to EverybodyWiki 😃 ! Nuvola apps kgpg.png Log in or ➕👤 create an account to improve, watchlist or create an article like a 🏭 company page or a 👨👩 bio (yours ?)...

Leen

Da EverybodyWiki Bios & Wiki.



Leen
Errore Lua in Modulo:Wikidata alla linea 443: attempt to index field 'wikibase' (a nil value).
Paese d'origineItalia Italia
GenereRock
Periodo di attività musicale1992 – 2012
Album pubblicati4
Modulo:Wikidata:443: attempt to index field 'wikibase' (a nil value)

Errore Lua in Modulo:Wikidata alla linea 443: attempt to index field 'wikibase' (a nil value).Errore Lua in Modulo:Wikidata alla linea 443: attempt to index field 'wikibase' (a nil value).

I Leen sono stati un gruppo musicale italiano formatosi nel 1992.

Storia[modifica]

Gli inizi[modifica]

I Leen nascono nel novembre 1992 inizialmente con Max (bassista), Sergio (Chitarrista) e Mario (tastierista, ai quali successivamente si aggiunge Tino (voce). I batteristi in quel periodo si susseguirono cambiando puntualmente, mentre entrò nella band, che ancora era in fase di evoluzione, senza un nome sicuro, Lele (chitarra ritmica e talvolta tastiera) con il quale la band assume una nuova fisionomia, una fisionomia classica.

La scissione[modifica]

L'11 luglio 1993 la band si sciolse dopo i primi successi iniziali per la differenza di idee sulla fisionomia che avrebbe dovute avere il gruppo. Nasce un nuovo gruppo con alcuni componenti dei Leen, gli Vtopika, che si sciolgono poco dopo per ridare vita nel 1995 ai Leen. Proprio nel 1995 la band incide il suo primo singolo: Pomoz, con Max (voce e basso), Lele (chitarra ritmica), Sergio (chitarra solista) e Cesare (batteria). Quest'ultimo sarà sostituito da Diego all'inizio del 1996.

I primi album[modifica]

Dopo varie vicissitudini, i Leen si stabilizzano con una formazione che vede Max alla voce, Manu alla chitarra ritmica, Sergio (e poi Tube) alla chitarra solista, Paolo al basso e Diego alla batteria. Esce nel 1998 "Fuga da Coverlandia", un lavoro un po' grezzo ma significativo. In quel periodo Max e Manu scrivono un gran numero di canzoni e la band si esibisce con una certa continuità nei locali piemontesi. All'inizio del 1999 una nuova scissione (molto meno dolorosa della prima) porta Paolo e Manu su altre direzioni artistiche, mentre Max e Diego si uniscono a Gabro (tastiere) e Massimo (chitarra). Questa formazione rimane invariata per tutti gli anni successivi, portando alla realizzazione del mitico "Live at Babylonia" nel 2000 e alla raccolta "Dietro le apparenze" che racchiude canzoni che vanno dal 1999 al 2002.

Il ritorno[modifica]

Nel 2002 i Leen si prendono una lunga pausa di riflessione, per motivi personali, pur rimanendo costantemente in contatto ed ottimi amici. Questo periodo si conclude nell'estate 2007, quando Max, Gabro e Diego decidono di riprendere a suonare insieme. Massimo (ormai a tutti gli effetti TheBridge) rientra nella band un anno più tardi, ma dal suo ritorno l'intesa con gli amici non tarda a dare i suoi frutti. Dopo una serie di esibizioni di riscaldamento e con nuove canzoni scritte per l'occasione il gruppo esordisce su scala nazionale con un video (Tempo latente) che viene trasmesso su Sky nel marzo del 2009. Poco dopo arriva la firma per l'etichetta discografica VideoRadio. Il gruppo pubblica l'ultimo album, intitolato "Graffito", uscito in tutto il mondo nel dicembre 2009.

Alla fine del 2011 Diego lascia la band, sostituito alla batteria da Cesare. Il 7 settembre 2012, in occasione della Festa dell'Uva a Gattinara (VC), i Leen si esibiscono per l'ultima volta in pubblico, chiamando a raccolta anche alcuni ex componenti della band come Paolo, Manu e Diego, nonché Franco Monte, Gigi Savoini e Roberto Zago, per il "Concerto del Ventennale"; è questa l'occasione per ringraziare il proprio pubblico e congedarsi da esso dopo una lunga avventura durata appunto vent'anni.

Discografia[modifica]

Album[modifica]

  • Fuga da Coverlandia (1998)
  • Live at Babylonia (2000)
  • Dietro le apparenze (1999-2002)
  • Graffito (2009)

Singoli[modifica]

  • Pomoz (1995)
  • Quando... (1996)

Collegamenti esterni[modifica]


Questo articolo wiki "Leen" è da Wikipedia The list of its authors can be seen in its historical and/or the page Edithistory:Leen.