Welcome to EverybodyWiki ! Nuvola apps kgpg.png Sign in or create an account to improve, watchlist or create an article like a company page or a bio (yours ?)...

Giovanni Bacile

Da EverybodyWiki Bios & Wiki.
Jump to navigation Jump to search


Venerabile Giovanni Bacile

Presbitero

 
NascitaBisacquino, 12 agosto 1880
MorteBisacquino, 20 agosto 1941
Venerato daChiesa cattolica
Santuario principaleChiesa Madre di Bisacquino (Palermo)
Ricorrenza20 agosto

Errore Lua in Modulo:Wikidata alla linea 443: attempt to index field 'wikibase' (a nil value).

Biografia[modifica]

Proveniente da una famiglia povera, all'età di otto anni gli muore il padre e per guadagnare qualche soldo fa l'apprendista calzolaio e il cameriere prima presso la famiglia Fiorentino e, poi, al Circolo dei Mastri[2]. Studia presso il seminario della diocesi di Monreale e viene ordinato sacerdote il 17 giugno 1905[3]. Come primo incarico è nominato rettore della chiesa del Carmine della sua cittadina. Il 28 luglio 1916 diventa Decano Arciprete della Chiesa Madre di Bisacquino, distinguendosi per il suo zelo sacerdotale. Aiuta i poveri e i bisognosi[4][5][6][7][8], "per amore dei poveri spesso fu visto mendicare per le strade"[9]; soccorre gli ammalati, cura la catechesi per i bambini, i giovani e gli adulti, promuove l'adesione all'Azione Cattolica[10] e diffonde la devozione alla Madonna del Balzo[11]. Nel 1925 fa realizzare la cupola che sormonta la Chiesa Madre di Bisacquino[12], nel 1927 riceve l'onorificenza di monsignore e nel 1931 diventa vicario foraneo, curando nello stesso anno la pubblicazione degli Atti del Congresso eucaristico di Bisacquino del 10-14 settembre 1930 (Palermo 1931)[13]. E' anche autore di Appunti per preghiere, sermoni, conferenze e panegirici riportati a stampa nella Positio[14] Sono certamente anni difficili per Bisacquino. Non va dimenticata in quel periodo la presenza del mafioso Vito Cascio Ferro e in questo contesto mons. Giovanni Bacile si trova ad operare[15]. Fonda il bollettino "La stella di Bisacquino" tramite il quale riesce a mantenere i legami con i tanti emigrati bisacquinesi[16][17]. Muore il 20 Agosto 1941 in fama di santità[18] e nel 1956 il suo corpo viene traslato dal Cimitero alla Chiesa Madre. Nel 1989 inizia il processo di beatificazione[19] e nel 2015 è dichiarato venerabile[20][21][22][23][24]. A lui sono intitolati a Bisacquino una via e l'Istituto scolastico statale comprensivo[25].

Il suo pensiero teologico viene spesso sintetizzato, così come lui era solito fare, partendo dalla poesia "Fanciulla, che cosa è Dio?" di Aleardo Aleardi. "E' uno degli spunti con cui egli stesso spiega cosa è Dio. Le stelle rispondono che Dio è ordine, i fiori rispondono che Dio è bellezza, la pupilla della innocente fanciulla risponde che Dio è amore. Egli ribadisce il primato dell'amore di Dio, della preghiera, della meditazione e conseguentemente l'amore del prossimo e le altre virtù"[26]. Alla sua scuola si forma mons. Pasquale Bacile, Vescovo di Acireale, che verrà simbolicamente sepolto ai piedi della sua tomba[27].

Note[modifica]

  1. http://www.santiebeati.it/dettaglio/96561
  2. R. Bacile, Giovanni Bacile sacerdote, Palermo 1979, pp. 43-46.
  3. Seminari di studio, su stbmonreale.it.
  4. A. Li Vecchi, Modernizzazione della società locale e rinnovamento pastorale a Bisacquino durante il parrocato di mons. Giovanni Bacile, in M. Naro (ed.), Quest'uomo è il parroco. Giovanni Bacile decano di Bisacquino, Caltanissetta Roma 2005, pp. 59-85.
  5. A. Li Vecchi, Tradizione caritativo-assistenziale e identità del cristianesimo locale, in M. Naro (ed.), Una sorta di contagio, Caltanissetta-Roma 2004.
  6. M.T. Falzone, Cura pastorale e poveri nel ministero sacerdotale di mons. Giovanni Bacile, in M. Naro (ed), Quest'uomo è il parroco. Giovanni Bacile decano di Bisacquino, Caltanissetta Roma 2005 (ed), pp. 9-39.
  7. F. Armetta (a cura di), Dizionario enciclopedico dei pensatori e dei teologi di Sicilia, secc. XIX e XX, vol. I (A-B) ad vocem Bacile Giovanni, Caltanissetta-Roma 2010, pp. 155-156. Si legge, in particolare, che "spesso dà ai poveri le due lire che ha in tasca e resta senza pranzo".
  8. M. Naro, "Non recuso laborem". Dedizione al ministero e vita secondo lo Spirito nell'esperienza credente di mons. Giovanni Bacile, in Teologi in ginocchio. Figure di spirituali della Sicilia contemporanea, Caltanissetta-Roma 2006, pp. 201-226.
  9. G. Petralia e V. Russo, La luce del Triona, II edizione, Corleone 1997, p. 178.
  10. http://www.parrocchiasantarosalia.it/?page_id=770
  11. L. Bontà, La cura della devozione alla Madonna del Balzo nell'impegno pastorale di mons. Giovanni Bacile, in M. Naro (ed.), Quest'uomo è il parroco. Giovanni Bacile decano di Bisacquino, Caltanissetta-Roma 2005, pp. 87-116.
  12. G. Petralia e V. Russo, La luce del Triona, II edizione, Corleone 1997, p. 134.
  13. F. Armetta (a cura di), Dizionario enciclopedico dei pensatori e dei teologi di Sicilia, secc. XIX e XX, vol. I (A-B) ad vocem Bacile Giovanni, Caltanissetta-Roma 2010, pp. 155-156.
  14. Congregatio de causis sanctorum. Ioannis Bacile (1880-1941), Positio super vita, virtutibus et fama sactitatis, Roma 2003, pp. 587-661.
  15. Bisacquino (PDF), su ilvespro.it.
  16. La Stella di Bisacquino, su bisacquinoturismo.it.
  17. N. Filippone, Il decano Bacile e gli emigrati, in M. Naro (ed), Quest'uomo è il parroco. Giovanni Bacile decano di Bisacquino, Caltanissetta-Roma 2005, pp. 41-58.
  18. S. Ferina, Bisacquino storia del sacro, Partinico 2008, p. 177.
  19. I. Pizzitola, Venerabile Mons. Bacile 2018, Bisacquino 2018, p. 3.
  20. https://agensir.it/quotidiano/2015/6/13/diocesi-monreale-il-17-giugno-mons-bacile-proclamato-venerabile/.
  21. Promulgazione del decreto sulle virtù eroiche del servo di Dio Giovanni Bacile, su ansa.it.
  22. Monsignor Giovanni Bacile “Venerabile”, a Bisacquino c’è ancora emozione, su monrealenews.it.
  23. Venerabile Giovanni Bacile, su santiebeati.it.
  24. Mons. Giovanni Bacile Venerabile, da "Monreale informa", Giornale istituzionale del Comune di Monreale, 14 luglio 2015, su monrealeinforma.it.
  25. Home, su icbisacquino.it. URL consultato il 7 gennaio 2020.
  26. F. Armetta (a cura di), Dizionario enciclopedico dei pensatori e dei teologi di Sicilia, secc. XIX e XX, vol. I (A-B) ad vocem Bacile Giovanni, Caltanissetta-Roma 2010, p. 156.
  27. V. Noto, Il personaggio, La Repubblica, 08 agosto 2007., su ricerca.repubblica.it.

Bibliografia[modifica]

  • R. Bacile, Giovanni Bacile sacerdote, Palermo 1979.
  • Congregatio de causis sanctorum. Ioannis Bacile (1880-1941), Positio super vita, virtutibus et fama sactitatis, Roma 2003.
  • M. Naro (ed.), Quest'uomo è il parroco, Caltanissetta-Roma 2005.
  • M. Naro, Teologi in ginocchio. Figure di spirituali della Sicilia contemporanea, Caltanissetta-Roma 2006.
  • F. Armetta (a cura di), Dizionario enciclopedico dei pensatori e dei teologi di Sicilia, secc. XIX e XX, vol. I (A-B) ad vocem Bacile Giovanni, Caltanissetta-Roma 2010.
  • S. Vacca (a cura di), Figure di santità nella Chiesa di Monreale nel Novecento, Caltanissetta-Roma, 2013.
  • I. Pizzitola, Venerabile Mons. Bacile 2018, Bisacquino 2018.


Questo articolo wiki "Giovanni Bacile" è da Wikipedia The list of its authors can be seen in its historical and/or the page Edithistory:Giovanni Bacile.



Compte Twitter EverybodyWiki Follow us on https://twitter.com/EverybodyWiki !