Welcome to EverybodyWiki ! Nuvola apps kgpg.png Sign in or create an account to improve, watchlist or create an article like a company page or a bio (yours ?)...

Giampaolo Azzoni

Da EverybodyWiki Bios & Wiki.
Jump to navigation Jump to search

Errore Lua in Modulo:Wikidata alla linea 443: attempt to index field 'wikibase' (a nil value).

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver conseguito nel 1980 la maturità classica presso il Liceo Ginnasio Statale Giuseppe Parini di Milano, Giampaolo Azzoni decide di proseguire i suoi studi presso l'Università di Pavia, quale alunno del Collegio Ghislieri. Nel 1985 si laurea in Giurisprudenza con la votazione di 110/110 e lode (media esami di profitto: 30/30), presentando una tesi in filosofia del diritto ed avendo come relatore il filosofo Amedeo Giovanni Conte. Dopo aver seguito nel 1986 un master annuale in cultura industriale, Azzoni lavora per un paio d'anni come funzionario di Assolombarda e decide di continuare parallelamente gli studi di filosofia del diritto.

Nel 1989 consegue il dottorato di ricerca in filosofia analitica e teoria generale del diritto presso l'Università Statale di Milano. Successivamente diviene ricercatore di filosofia del diritto (1991), quindi professore, prima straordinario (2000) e poi ordinario (2003), di teoria generale del diritto presso l'Università di Pavia.

Attualmente è titolare degli insegnamenti di Teoria generale del diritto[1], di Biodiritto e di Diritto e Letteratura[2] presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università di Pavia e di Relazioni pubbliche[3] presso il Corso di laurea magistrale in “Comunicazione professionale e multimedialità”. È poi componente del Collegio dei Docenti del Dottorato in Diritto romano, Teoria degli ordinamenti e Diritto privato del mercato presso l’Università degli Studi di Roma "La Sapienza"[4].

Dopo avere fatto parte del “Comitato ordinatore” che ha progettato i corsi di laurea in Comunicazione dell’Università di Pavia (2001), è stato dal 2004 al 2010 Presidente del Corso di laurea triennale in “Comunicazione interculturale e multimediale” e del Corso di laurea specialistica in “Editoria e Comunicazione Multimediale”, innovandoli profondamente e rafforzandone i collegamenti con le professioni della comunicazione.

È direttore del Centro di Etica Generale ed Applicata (C.E.G.A.) con sede presso l'Almo Collegio Borromeo di Pavia[5] ed è membro dei comitati scientifici dei seguenti centri di ricerca: "EconomEtica"[6]; "Fondazione Centro Studi Filosofici di Gallarate"[7]; "Centro interuniversitario di studi sull'etica" (C.I.S.E.) con sede presso l'Università Ca' Foscari Venezia[8]; "Centro interuniversitario - Center on Virtues ARETAI" con sede presso l’Università di Genova[9]; Centro interdipartimentale di ricerca “European Center for Law Science and New Technologies” (ECLT)[10].

È inoltre membro dei comitati scientifici delle seguenti riviste e collane editoriali: la rivista "Tigor. Rivista di scienza della comunicazione"[11]; la collana di studi e testi "Nomologica" dell'editore LED[12]; la collana "Ethica" presso l'editore "Orthotes"[13]; la rivista "Fenomenologia e società"[14]; la collana "Comunicazione d'impresa" presso l'editore FrancoAngeli[15] e "Pavia University Press".[16]

Dal 2008 al 2016 è stato componente del Comitato di Bioetica della Fondazione IRCCS San Matteo di Pavia in qualità di esperto per la materia giuridica. È stato consulente giuridico nella redazione del Protocollo "Alba" relativo al prelievo di organi addominali e toracici da donatori in asistolia, approvato nel 2008 dal "Comitato di Bioetica" del San Matteo di Pavia e presentato, nell'audizione plenaria del 17 luglio 2009, al "Comitato Nazionale per la Bioetica" che lo ha esplicitamente citato nel Parere su “I criteri di accertamento della morte”.[17] È stato consulente giuridico anche nell'ultima revisione di tale protocollo (2017). Nel 2016 ha promosso la costituzione del “Centro di studi sulla simbolica giuridica” presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università di Pavia.[18] Nel 2017 è stato tra i promotori di DigiDig, il primo think-tank italiano dedicato alla problematizzazione del nesso tra algoritmo e società.[19] È dal settembre 2007 responsabile del blog "Ethica" dedicato a questioni di etica generale e applicata.[20] È socio-fondatore di "ImpresAperta" (network dedicato alla tematica del coinvolgimento delle persone nelle organizzazioni in cui lavorano).[21]

Oltre agli incarichi di insegnamento, è stato dal 2013 al 2019 Delegato del Rettore per il Piano strategico e per la Comunicazione dell'Università di Pavia[22] e Presidente del Collegio di disciplina ex art. 10 della L. 240/2010.[23] Dall'anno accademico 2019-2020 ricopre l'incarico di Prorettore Vicario dell'Università di Pavia [24], con delega alla Comunicazione e ai Servizi informatici.

Pensiero[modifica | modifica sorgente]

Nel pensiero di Giampaolo Azzoni possono essere individuate due fasi distinte. In una prima fase, Azzoni si è soffermato sull'analisi di problemi della filosofia analitica del diritto; in particolare, Azzoni si è occupato di norme costitutive, di norme tecniche, di coerenza pragmatica, di validità e di deontica.

In una seconda fase - ancora in corso - gli interessi di Azzoni si sono spostati sullo studio del diritto e dell'etica nelle loro applicazioni all'economia, alla comunicazione e alla bio-medicina, in una prospettiva di forte connessione tra contemporaneità e pensiero classico; in particolare, Azzoni si è occupato dell'idea di giustizia, del giusnaturalismo tommasiano, di responsabilità sociale d'impresa, di dignità umana, delle condizioni etiche e politiche della felicità personale[25], dell'attualità del modello sociale e giuridico degli assetti fondiari collettivi[26], nonché di tematiche bioetiche e biogiuridiche, tra le quali la comunicazione medico-paziente, il consenso informato, i trapianti di organo, le sperimentazioni cliniche. Tali sviluppi sono stati raccolti nel 2017 nel volume Nomofanie: esercizi di Filosofia del diritto. In questo libro si presentano configurazioni concettuali, problemi teoretici e contesti empirici che sono produttivi di varie e molteplici manifestazioni di quel nómos che - secondo Azzoni - la filosofia del diritto è chiamata ad indagare. I principali temi trattati sono: legge naturale e diritto positivo nel giusnaturalismo classico; nesso tra sostrato ontico e qualificazioni deontiche; statuto giuridico della corporeità umana; giustizia come reciprocità; soggettività e dipendenza reciproca; teoria delle fonti e retorica processuale; ruolo della forma nell’esperienza giuridica. Quattro i filosofi più richiamati: Aristotele, Tommaso d'Aquino, Kant e Hegel, che, a giudizio di Azzoni, costituiscono una sorta di “quadratura” per pensare alcune questioni critiche del vivere-insieme nelle società presenti.[27]

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Il concetto di condizione nella tipologia delle regole, Padova, Cedam, 1988;
  • Cognitivo e normativo: il paradosso delle regole tecniche, Milano, FrancoAngeli, 1991;
  • Filosofia dell'atto giuridico in Immanuel Kant, Padova, Cedam, 1998;
  • Nomofanie: esercizi di Filosofia del diritto. Torino, Giappichelli, 2017;
  • Nomofanie: esercizi di Filosofia del diritto. Seconda edizione. Torino, Giappichelli, 2018.[28]

Note[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Errore Lua in Modulo:Wikidata alla linea 443: attempt to index field 'wikibase' (a nil value).

Tema(i) : Biografie Diritto Filosofia

Altri articoli dei temi Biografie E Diritto : Giuliano Mignini, Giovanni Zirolia

Altri articoli del tema Biografie : Wolf Fischer, Joshua Erre, Edrissa Sanneh, Alessandro Lussiana, Jennifer Serrano, Maria Gabriella Capparelli, Manuel Occhiello

Altri articoli del tema Diritto : Diritto in Europa, Diritto ecclesiastico, Procedure giudiziarie, Diritto, Sīdī Bū Saḥāqī, Storia del diritto, Statuto delle comunità nel diritto romano

Altri articoli del tema Filosofia : Scuole e correnti filosofiche, Filosofia contemporanea, Logica, Discipline filosofiche




Questo articolo wiki "Giampaolo Azzoni" è da Wikipedia The list of its authors can be seen in its historical and/or the page Edithistory:Giampaolo Azzoni.



Compte Twitter EverybodyWiki Follow us on https://twitter.com/EverybodyWiki !