Welcome to EverybodyWiki ! Nuvola apps kgpg.png Sign in or create an account to improve, watchlist or create an article like a company page or a bio (yours ?)...

Depression Quest

Da EverybodyWiki Bios & Wiki.
Jump to navigation Jump to search
Depression Quest
videogioco
PiattaformaBrowser, Windows, OS X, Linux
Data di pubblicazioneMondo/non specificato 14 febbraio 2013
Steam:
Mondo/non specificato 11 agosto 2014
GenereAvventura testuale
SviluppoThe Quinnspiracy
PubblicazioneThe Quinnspiracy
DesignZoë Quinn
SceneggiaturaZoë Quinn, Patrick Lindsay
MusicheIsaac Schankler
Modalità di giocoGiocatore singolo
Motore graficoTwine
SupportoDownload
Distribuzione digitaleSteam

Errore Lua in Modulo:Videogioco alla linea 127: attempt to index field 'wikibase' (a nil value).

Depression quest è un'avventura testuale incentrata sul tema della depressione, è stato sviluppato nel 2013 dalla game designer Zoë Quinn utilizzando lo strumento open source Twine[1]. Il gioco è scritto da Patrick Lindsay, mentre Isaac Schankler ha composto le musiche originali.

Il videogioco, disponibile online gratuitamente, con un modello pay-what-you-want, è stato pubblicato ufficialmente sul web il 14 febbraio 2013 e sulla piattaforma Steam l'11 agosto 2014. Il gioco, che racconta la storia di una persona che soffre di depressione e dei suoi tentativi per affrontarla, è stato creato con l'obiettivo di creare maggiore consapevolezza su questa problematica[2].

Il National Suicide Prevention Lifeline riceve parte dei proventi.

Accoglienza[modifica | modifica sorgente]

Depression Quest è stato molto elogiato dalla critica per la sua rappresentazione della depressione e il suo valore educativo. L'accoglienza del pubblico è stata più eterogenea, tanto che Quinn ha addirittura ricevuto minacce e vessazioni da parte di persone che disapprovavano il gioco[3]. Una falsa accusa circolata riguardo alla game designer, secondo la quale un noto giornalista avrebbe scritto una recensione positiva sul gioco perché legato sentimentalmente a Quinn, ha innescato la polemica nota come Gamergate[4][5].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. (EN) Adi Robertson, Play this: 'Bad Paper,' a journalistic choose your own adventure story about debt collection, Yahoo! News, 15 agosto 2014. URL consultato l'11 marzo 2017.
  2. (EN) Katie Williams, Depression Quest Now Available for Free on Steam, IGN, 14 agosto 2014. URL consultato l'11 marzo 2017.
  3. (EN) Zack Kotzer, Female Game Designers Are Being Threatened with Rape, Vice, 23 gennaio 2014. URL consultato l'11 marzo 2017.
  4. (EN) Bob Stuart, #GamerGate: the misogynist movement blighting the video games industry, The Daily Telegraph, 24 ottobre 2014. URL consultato l'11 marzo 2017.
  5. (EN) Chandra Steele, Everything You Never Wanted to Know About GamerGate, PC News, 21 ottobre 2014. URL consultato l'11 marzo 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • Errore Lua in Modulo:Wikidata alla linea 443: attempt to index field 'wikibase' (a nil value).


Tema(i) : videogiochi



Altri articoli del tema videogiochi : Mobile Legends: Bang Bang, Silmaril (MUD), Milton Finch, Rival Regions, Herobrine, Taxi Racer London 2, DVD game "Article ?" contains a listed "?" character as part of the property label and has therefore been classified as invalid.



Questo articolo wiki "Depression Quest" è da Wikipedia The list of its authors can be seen in its historical and/or the page Edithistory:Depression Quest.



Compte Twitter EverybodyWiki Follow us on https://twitter.com/EverybodyWiki !