Welcome to EverybodyWiki ! Nuvola apps kgpg.png Sign in or create an account to improve, watchlist or create an article like a company page or a bio (yours ?)...

Club dei brutti

Da EverybodyWiki Bios & Wiki.
Jump to navigation Jump to search


Il Club dei brutti o World Association of the Ugly People[1] è un'associazione internazionale fondata nel 1879[2][3] a Piobbico, un paese delle Marche in Italia, dove ha ancora sede. Oggi ha lo scopo di sensibilizzare sui problemi dei brutti ridimensionando l'importanza dell'apparenza nella società moderna.[3][4][5] Nel 2005 aveva 25000 iscritti e succursali in diversi Paesi europei e americani[3] (secondo quanto dichiarato dal club stesso, 25 sedi nel mondo nel 2008[5]).

Storia e attività[modifica | modifica sorgente]

La nascita del club, nel 1879, era motivata dall'esigenza di maritare le zitelle del paese, in quanto non sposarsi a causa della propria bruttezza causava problemi anche economici per le famiglie. Svolse quindi funzioni simili a quelle che ha oggi un'agenzia matrimoniale.[3]

L'associazione fu rilanciata attorno al 1960[3][4] con il nome di Associazione Nazionale dei Brutti, con lo scopo di sensibilizzare i cittadini ai problemi dei brutti e di aiutare i brutti a superare i loro problemi e a trovare un partner.[3]

Nel 1995 aveva 18000 iscritti nel mondo.[6]

Più recentemente l'associazione si è occupata di combattere la discriminazione per l'aspetto fisico sul luogo di lavoro.[4] Nel 2008 dichiarava come suo scopo la "sensibilizzazione ad una corretta cultura dell’apparenza e la lotta al culto della bellezza della moderna società della comunicazione" e "combattere il culto esagerato della bellezza".[5] Per questi scopi non richiede che gli iscritti siano brutti, ma soltanto che condividano gli ideali alla base del gruppo.[3] Sempre nel 2008 l'associazione inaugurò un monumento ai brutti nel paese di Piobbico.[7]

Nella prima domenica di settembre a Piobbico, ogni anno si svolge il "Festival del brutto" in concomitanza della sagra della polenta alla carbonara, dove viene eletto il presidente dell'associazione. Annualmente vengono eletti i "re dei brutti", ai quali viene assegnato il premio "No-bel",[8] che sono i presidenti del club. Questa usanza risale alla fondazione dell'associazione nel 1879.[3]

Studi di sociologia e storia della cultura[modifica | modifica sorgente]

Il club è citato da uno studio di Gretchen E. Henderson sull'omologo Ugly Face Club, esistito a Liverpool tra il 1743 e il 1754, e sul rinnovato interesse per i club di brutti nel mondo, che farebbe parte di un rinnovato interesse per la bruttezza dovuto a una forma di attrattività estetica della stessa per i sensi.[9] Bonnie Berry parte invece dal fatto che i candidati a presidente del club nel 2007 fossero persone con un aspetto "nella media" per riflettere su come siano i mezzi di comunicazione di massa a creare un'immagine di ciò che viene considerato "brutto".[10]

Iscritti celebri[modifica | modifica sorgente]

Sono entrati nel gruppo la Miss Italia del 1979 Cinzia De Ponti e quella del 1992 Gloria Zanin[11], il politico Giulio Andreotti (iscrittosi prima del 1992)[12], i noti conduttori televisivi Mike Bongiorno e Paolo Bonolis, e l'attore e comico Pippo Franco.[11]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. (EN) Festival of the Ugly, Reuters. URL consultato il 18 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 17 ottobre 2007).
  2. (ES) Isidoro Loi, El cuerpo y sus miembros, Grijalbo, 2014.
  3. 3,0 3,1 3,2 3,3 3,4 3,5 3,6 3,7 E vissero tutti brutti...e contenti, TGcom, 28 ottobre 2005. URL consultato il 18 settembre 2018.
  4. 4,0 4,1 4,2 (EN) Rebecca Pike, Italy's ugly club defies convention, BBC News, 14 settembre 2003. URL consultato il 18 settembre 2018.
  5. 5,0 5,1 5,2 Chi siamo, su clubdeibrutti.com:80. URL consultato il 18 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 29 marzo 2008).
  6. CANALE 5: LA SAI L'ULTIMA?, Adnkronos, 14 ottobre 1995. URL consultato il 20 settembre 2018.
  7. Sorpresa, è una beltà la nuova regina dei brutti di tutta Italia, Il Resto del Carlino, 10 settembre 2007. URL consultato il 18 settembre 2018.
  8. Il re dei brutti è sempre lo stesso, rieletto Giovanni “la Belva”, Il Resto del Carlino, 4 settembre 2016. URL consultato il 25 maggio 2018.
  9. (EN) Gretchen E. Henderson, The Ugly Face Club: A Case Study in the Tangled Politics and Aesthetics of Deformity, in Andrei Pop e Mechtild Widrich (a cura di), Ugliness - The Non-Beautiful in Art and Theory, London and New York, I. B. Tauris, 2014, pp. 23, 32, ISBN 978-1-78076-645-4.
  10. (EN) Bonnie Berry, The Power of Looks: Social Stratification of Physical Appearance, 2ª ed., London and New York, Routledge, 2016 [2008], p. 65, ISBN 978-0-7546-4758-4.
  11. 11,0 11,1 Addio a Lelè, il re dei brutti di tutto il mondo, Il Giornale, 23 agosto 2006. URL consultato il 19 agosto 2018.
  12. DIARIO ELETTORALE, Adnkronos, 17 marzo 1992. URL consultato il 19 agosto 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Tema(i) : Marche sociologia



Altri articoli del tema Marche : Corso 2 giugno, Comuni della provincia di Macerata, Festival dell'Appennino, Persone legate ad Ancona, Infernal Poetry, PalaCingolani, Comuni della provincia di Pesaro e Urbino

Altri articoli del tema sociologia : Omofobia, Condizione economica femminile, Rossobrunismo, Giovinezza, Socioinformatica, Centro antiviolenza Artemisia, Pari opportunità




Questo articolo wiki "Club dei brutti" è da Wikipedia The list of its authors can be seen in its historical and/or the page Edithistory:Club dei brutti.


Impossibile trovare il file HTML FacebookLikeButton.html


Compte Twitter EverybodyWiki Follow us on https://twitter.com/EverybodyWiki !