Welcome to EverybodyWiki ! Nuvola apps kgpg.png Sign in or create an account to improve, watchlist or create an article like a company page or a bio (yours ?)...

Antonella Berardi

Da EverybodyWiki Bios & Wiki.
Jump to navigation Jump to search


Errore Lua in Modulo:Wikidata alla linea 443: attempt to index field 'wikibase' (a nil value).

Biografia[modifica]

Di famiglia italiana ed austriaca, figlia di Pier Niccolò Berardi, architetto e pittore e di Rosanna Paumgartner, nipote del musicista Bernhard Paumgartner e pronipote di Peter Rosegger, poeta e scrittore austriaco.

È nata e vive a Fiesole. Ha conseguito il diploma di maturità d'arte applicata presso l'Istituto Statale d'Arte di Firenze. Ha frequentato l'Accademia di Belle Arti di Firenze conseguendo il Diploma di Scenografia con il massimo dei voti.

Negli anni 1967,1968,1974 ha frequentato la Internationale Sommer Akademie für Bildende Kunst di Salisburgo (Austria), seguendo i corsi di pittura di Emilio Vedova e di scenografia di Günther Schneider-Siemssen. Nel 1974 ha vinto il Primo Ehrenpreis der Stadt Salzburg per la scenografia e i costumi dell'opera De Temporum Fine Comoedia di Carl Orff.

Teatro[modifica]

Costumi[modifica]

  • 1974 – Collaborazione alle scene e i costumi del balletto Per la dolce memoria di quel giorno di Maurice Bejart (Maggio Musicale Fiorentino)
  • 1975 – Assistente ai costumi per l'opera Macbeth di Giuseppe Verdi, direttore Riccardo Muti, regia di Franco Enriquez, costumi di Elena Mannini (Maggio Musicale Fiorentino)
  • 1978 – Scenografia e costumi per tre atti unici di Anton Checov Amore in compagnia, regia di Marco Sciaccaluga (Teatro stabile di Genova, Estate Fiesolana 1978)

Figurini e costumi[modifica]

  • 1979 – Dramma Il diavolo Peter di Salvato Cappelli, regia di Lamberto Pugelli
  • 1981 – Balli d'opera, coreografia di Paolo Bortoluzzi e Evgheri Polyakov, (Maggio Musicale Fiorentino 1981, Palazzo Pitti Firenze)
  • 1982 – Le Chant du Rossignol, balletto di Igor Stravinskij, scenografia di Fausto Melotti (Maggio Musicale Fiorentino 1982)
  • 1987 – Opera lirica Le donne curiose di Ermanno Wolff-Ferrari, regia di Filippo Crivelli (Teatro Massimo di Palermo)
  • 1991 – Dramma La vedova del sabato sera di Israel Horovitz, regia di Giorgio Treves
  • 2000 – La Traviata di Giuseppe Verdi, direttore Zubin Mehta, regia di Cristina Comencini, scene di Paola Comencini (Maggio Musicale Fiorentino 2000)
  • 2005 – Pièce Due partite, testo e regia di Cristina Comencini (Teatro Eliseo)
  • 2009 – Pièce Est-Ovest, testo e regia di Cristina Comencini, scene Paola Comencini

Figurini e bozzetti[modifica]

  • 1998 – Balletto Schiaccianoci, di Tchaikovskij, coreografia di Maurice Béjart, scene di R. Bernard (Giappone, Europa, Stati Uniti)
  • 1998 – Giorni felici di Samuel Beckett, in collaborazione con R. Bernard (Teatro Stabile di Torino)

Cinema e televisione[modifica]

Aiuto costumista[modifica]

  • 1975 - Colpita da improvviso benessere , regia di Franco Giraldi, costumi di Elena Mannini.
  • 1976 - Con la rabbia agli occhi, regia di Antonio Margheriti, costumi di Massimo Bolongaro.

Costumista[modifica]

  • 1976 - Dove volano i corvi d’argento, regia di Piero Livi.
  • 1977 - Un amore di Dostoevskij, film per la tv, regia di Alessandro Cane.
  • 1980 - Greggio e pericoloso, sceneggiato tv, regia di Enzo Tarquini.

Costumista e figurinista[modifica]

  • 1978 - Nella vita di Sylvia Plath, film per la tv, regia di Alessandro Cane.
  • 1985 - Cinecittà Cinecittà, film per la tv, regia di Vittorio De Sisti.
  • 1986 - I padroni dell'estate, regia di Marco Parodi.
  • 1987 - Due fratelli, sceneggiato tv, regia di Alberto Lattuada.
  • 1987 - L'ombra della spia, regia di Alessandro Cane.
  • 1989 - I divertimenti della vita privata, regia di Cristina Comencini.
  • 1990 - Doris, una diva di regime, regia di Alfredo Giannetti.
  • 1991 - Processo di famiglia, film per la tv, regia di Nanni Fabbri.
  • 1991 - Dalla notte all'alba, film per la tv, regia di Cinzia TH Torrini.
  • 1992 - La fine è nota, regia di Cristina Comencini.
  • 1992 - Un figlio a metà, film per la tv, regia di Giorgio Capitani.
  • 1994 - Il grande fuoco, sceneggiato, regia di Fabrizio Costa.
  • 1995 - 1996 - Va' dove ti porta il cuore, regia di Cristina Comencini.
  • 1995 - 1996 - Uno di noi, serie tv, regia di Fabrizio Costa.
  • 1997 - Matrimoni, regia di Cristina Comencini.
  • 1999 - Il commissario Montalbano (episodi Il ladro di merendine e La voce del violino), film per la tv, regia di Alberto Sironi.
  • 1999 - Liberate i pesci!, regia di Cristina Comencini.
  • 2000 - Se fossi in te, regia di Giulio Manfredonia.
  • 2001 - Il più bel giorno della mia vita, regia di Cristina Comencini.
  • 2003 - Mi piace lavorare (Mobbing), regia di Francesca Comencini.
  • 2003 - Amanti e segreti, serie tv, regia di Gianni Lepre.
  • 2006 - Rino Gaetano - Ma il cielo è sempre più blu, film per la tv, regia di Marco Turco.
  • 2007 - Bianco e nero, regia di Cristina Comencini.

Costumista e scenografa[modifica]

  • 1979 - Sarto per signora, film per la tv, regia di Paolo Cavara
  • 1980 - La felicità, film per la tv, regia di Vittorio De Sisti
  • 1981 - Progetti di allegria, regia di Vittorio de Sisti
  • 1982 - 1984 - Casa Cecilia, sceneggiato tv (prima e terza serie), regia di Vittorio De Sisti
  • 1984 - Lo scomparso, film per la tv, regia di Marcello Baldi

Altro[modifica]

  • 1993 - Ritratto di signora, regia di Jane Campion (manager Location)
  • 1999 - Il commissario Montalbano, serie tv (progetto generale)
  • 2004 - La bestia nel cuore, regia di Cristina Comencini (preparazione e ricerca per figurini e costumi)

Altro[modifica]

  • 1993 - Consulenza artistica per la mostra Il Costume italiano dal 1790 ad oggi per l'editore Artificio, Firenze

Premi e candidature[modifica]

  • 1974 - Ehrenpreis der Stadt Salzburg per la scenografia e costumi dell'opera De Temporum fine comoedia di Carl Orff. Concorso accademia di Günther Scheider - Simmsen, Salzburg
  • 1991 - I divertimenti della vita privata, regia di Cristina Comencini, candidatura Nastro d’argento e David di Donatello per i migliori costumi, Ciak d’oro, per i migliori costumi.[1]
  • 1994 - La fine è nota, regia di Cristina Comencini, candidatura Nastro d'argento.[2]
  • 2000 - Liberate i pesci!, regia di Cristina Comencini, candidatura Nastro d'argento per i migliori costumi.[3]
  • 2001 - Il più bel giorno della mia vita, regia di Cristina Comencini, candidatura David di Donatello per i migliori costumi.[4]
  • 2006 - Due partite, regia Cristina Comencini, candidatura premi Eti, Gli Olimpici del Teatro.[5]

Note[modifica]

  1. Cristina Comencini, The Amusements of Private Life, 9 novembre 1990. URL consultato il 15 gennaio 2016.
  2. Cristina Comencini, La fine è nota, 10 febbraio 1993. URL consultato il 15 gennaio 2016.
  3. Cristina Comencini, Liberate i pesci!, 28 gennaio 2000. URL consultato il 15 gennaio 2016.
  4. Accademia del Cinema Italiano - Premi David di Donatello, su www.daviddidonatello.it. URL consultato il 15 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  5. Premi Eti - Gli Olimpici del Teatro, su Comune di Vicenza. URL consultato il 15 gennaio 2016.

Collegamenti esterni[modifica]

  • Errore Lua in Modulo:Wikidata alla linea 443: attempt to index field 'wikibase' (a nil value).


Questo articolo wiki "Antonella Berardi" è da Wikipedia The list of its authors can be seen in its historical and/or the page Edithistory:Antonella Berardi.



Compte Twitter EverybodyWiki Follow us on https://twitter.com/EverybodyWiki !